Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Inaugurato presso l'ex istituto Pacassi

Attualità
18 marzo 2015

Gorizia, nuovo centro per la formazione professionale

di Mattia Assandri
Rivolto alle persone con disabilità, seguirà il loro percorso di inserimento nel mondo del lavoro. Già attivati due corsi.
CONDIVIDI
9334
Il saluto delle autorità durante l'inaugurazione del centro (ph. Mattia Assandri)
Attualità
18 marzo 2015 di Mattia Assandri

Inaugurato il nuovo Centro per la formazione professionale per persone con disabilità di Gorizia. La struttura, allestita e gestita da Cooperativa Sociale Trieste Integrazione con il supporto di Anffas Onlus di Gorizia, si trova nel complesso dell'ex Istituto tecnico per geometri Pacassi in via Vittorio Veneto 170, dove sono stati creati una sala didattica, dotata di 9 postazioni informatiche e di uno spazio riservato alle lezioni teoriche, e una segreteria.

Al momento sono attivi i corsi “strumenti e tecniche per la creatività digitale” e “attività e servizi agrituristica”. Entrambi i percorsi hanno otto iscritti e una durata di 400 ore complessive, 70 delle quali sono destinate a stage in una quindicina di aziende locali. Si tratta di corsi di formazione orientati all’integrazione che puntano allo sviluppo delle competenze socio lavorative attraverso una formazione specifica basata sull’orientamento professionale e tarata, tramite un approccio multi disciplinare, sulle competenze e preferenze individuali.

“Oggi - ha spiegato il Presidente di Trieste Integrazione, Giandario Storace - è fondamentale ascoltare le esigenze delle famiglie e questo centro di formazione nasce proprio su richiesta delle famiglie goriziane. Al momento è estremamente difficile inserire nel mondo del lavoro ragazzi con disabilità senza un’adeguata formazione, quindi questa è una giornata importante perché segna l'avvio di un percorso fondamentale per i giovani con disabilità che hanno finito la scuola e altrimenti non avrebbero sbocchi”.

Altrettanto entusiasta il Presidente di Anffas Gorizia, Mario Brancati: “Dato il riassetto del sistema sanitario e socioassistenziale regionale ci attiveremo per creare sinergie tra gli ambiti della Bassa friulana e questa struttura, affinché il Centro di formazione diventi sempre più importante e crei le premesse per favorire l’ingresso delle persone con disabilità nel mondo del lavoro. L’inclusione socio-lavorativa delle persone con disabilità deve essere un punto fermo per una società moderna. La disabilità non deve più essere un mondo a parte, ma parte attiva della società. Non posso negare di essere preoccupato per la scomparsa delle province, che spero non inciderà in maniera negativa sul finanziamento del Cisi”.

Concorde il Presidente della Provincia di Gorizia, Enrico Gherghetta: “Con l’inaugurazione del Centro di Formazione si prosegue nella direzione del rilancio del Parco Basaglia che con il trasferimento in loco di altri servizi sanitari e amministrativi diverrà una vera “cittadella della solidarietà”. Questo centro si affianca alle attività del Cisi, che va valorizzato e difeso dato che una civiltà si misura su come riesce a rispondere alle esigenze dei disabili”.

Dello stesso parere l’Assessore all’Edilizia pubblica, scolastica e attrezzature, Donatella Gironcoli: “Siamo felici di ospitare questa iniziativa negli spazi dell’ex Pacassi. Il nostro obiettivo è infatti creare una sorta di distretto della solidarietà nel quale si colloca perfettamente una struttura che aiuta i disabili a inserirsi nel mondo del lavor”.

L’importanza del Centro di formazione è stata sottolineata anche dall’Assessore comunale al Welfare, Politiche sociali e della famiglia, Silvana Romano: “Si tratta di una risorsa molto utile, perché il lavoro deve essere il primo tassello per l'inclusione dei ragazzi. L'aspetto lavorativo però non è l’unico aspetto da considerare e dobbiamo dare anche una risposta abitativa alle esigenze dei disabili”.

Commenti (0)
Comment