Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Convegno regionale il 14 maggio

Attualità
18 aprile 2014

Monfalcone, centri giovanili a confronto

a cura della redazione
Fari puntati sulle nuove sfide delle politiche per i giovani.
CONDIVIDI
5052
Quale indirizzo per le politiche giovanili?
Attualità
18 aprile 2014 della redazione

In arrivo il 14 maggio prossimo una nuova proposta al Centro Giovani di Monfalcone: il Convegno intitolato “GIOVANI>ESPLORA RISORSE-Nuovi bisogni e nuove prassi di Politiche Giovanili e Centri di Aggregazione”, promosso da Cooperativa Sociale “Thiel”-Consorzio “Il Mosaico”, dall'Assessorato alle Politiche Giovanili del Comune di Monfalcone, dal Centro di Aggregazione Giovanile e Informagiovani di Monfalcone e realizzato con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Gorizia.

L'idea di organizzare una mattinata di riflessione è sorta dal desiderio di fornire uno spunto di analisi su tematiche inerenti le Politiche Giovanili con particolare riguardo ai Centri Giovani. Questo perché il tema dell'aggregazione giovanile e delle Politiche ad essa inerenti ha, generalmente, assunto declinazioni diverse a seconda delle differenti realtà nelle quali i vari interventi e progetti si sono sviluppati.

Nella stessa maniera, quindi, il Centro Giovani di Monfalcone ha ormai acquisito una propria identità e un proprio modo di offrire attività: a distanza di otto anni dalla sua apertura può essere giunto il momento di fare il punto sui risultati raggiunti e sull'attualità delle modalità operative proposte. Il Centro Giovani di Monfalcone, inoltre, è un servizio che si inserisce all'interno di Politiche che vengono attuate a livello locale e nazionale da una serie di agenzie e servizi – pubblici e del terzo settore – i quali operano nel solco dell'indirizzo espresso dal territorio e dal livello politico che lo amministra. Avere un momento nel quale si cerchi di focalizzare le linee di intervento che interessano un territorio come quello provinciale può essere un fatto interessante.

Quanto organizzato, quindi, vuole essere un momento nel quale attuare una serie di riflessioni condivise con le realtà partecipanti sul senso odierno di proporre interventi rivolti ai giovani.

Il Convegno avrà inizio alle ore 9 e, dopo i saluti di rito, seguirà subito l'intervento intitolato “Verso una nuova identità dei Centri di Aggregazione Giovanile in un contesto europeo” a cura di Massimo De Bortoli, insegnante, formatore, esperto in progettazione e monitoraggio di Politiche Giovanili a livello nazionale e internazionale.

Immediatamente dopo, il programma di “GIOVANI>ESPLORA RISORSE” prosegue con “Centri Giovani Selfie”, ovvero una vera e propria rassegna breve nel corso della quale i Centri di Aggregazione Giovanile maggiormente rappresentativi in provincia -e non- mostreranno il proprio “autoritratto” (Selfie), ossia presenteranno al pubblico una sintesi dei rispettivi percorsi di coinvolgimento del mondo giovanile; sarà pertanto la volta del Centro Giovani del Comune di Monfalcone, del Centro Giovani di Pieris (Comune di San Canzian d'Isonzo), del Servizio Politiche Giovanili di Casarsa della Delizia, del Centro di Aggregazione “ArtPort” di Palazzolo dello Stella e del Centro di Aggregazione Giovanile “Punto Giovani” di Gorizia.

Dopo la pausa i lavori proseguiranno con l'intervento intitolato "Dove vanno le Politiche Giovanili, sfide e direzioni di lavoro", a cura di Stefano Carbone, consulente psicosociale ed esperto in Politiche Giovanili, che darà poi la parola per le conclusioni a Loredana Panariti, Assessore Regionale al Lavoro, Istruzione, Pari Opportunità, Politiche Giovanili.

L'intenzione del programma proposto è quella di offrire una panoramica generale su quali siano le declinazioni che meglio possono rispondere ai bisogni dei giovani del territorio monfalconese e non; l'idea di partenza infatti è quella di capire se lo sviluppo, la partecipazione e il protagonismo dei giovani siano ancora i punti dai quali muoversi per proporre interventi educativi; di capire se l'attenzione dei Centri Giovani debba mirare principalmente alla rilevanza della mera aggregazione o se, ad oggi, la dimensione sociale del valore aggiunto di un Centro Giovani possa passare anche sotto l'offerta di una sperimentazione riguardo l'acquisizione di competenze professionalizzanti da parte di alcuni partecipanti alle attività realizzate.

Commenti (0)
Comment