Udin&Jazz, grandi star per i trent’anni

imagazine_icona

redazione

9 Aprile 2020
Reading Time: 2 minutes

Svelati i nomi dell’edizione 2020

Condividi

Euritmica annuncia il programma del Festival Internazionale Udin&Jazz 2020edizione del trentennale – Coronavirus permettendo – con una serie di concerti che, come nelle recenti edizioni, toccano diverse località della regione, partendo da Udine, passando per Tricesimo, Cervignano, San Michele del CarsoAquileia, approdando a Marano Lagunare con Borghi Swing per chiudersi a Grado, con GradoJazz, per gli eventi clou della manifestazione. 

L’edizione di quest'anno, sostenuta dai Comuni di Grado, Tricesimo, Cervignano, Marano Lagunare e dalla Regione FVG, PromoTurismo FVG, dalla Fondazione Friuli, da Reale Mutua Assicurazione di Udine e da Banca di Udine, con la collaborazione di Radio 1 Rai (a presentare i concerti sarà il conduttore di Stereonotte, Max De Tomassi) e Radio 3 Rai (che da anni ospita il festival nella trasmissione Radio Suite Jazz a cura di Pino Saulo) ha in programma un cast di artisti internazionali e nazionali, oltre a una ricca schiera di musicisti della regione.

Dal 26 giugno al 24 luglio il programma prevede circa 25 appuntamenti che coinvolgeranno diverse location, sale teatrali, piazze, centri storici e arene estive pronte a raccogliere le migliaia di appassionati ed estimatori della musica afroamericana in uno degli appuntamenti più attesi dell'estate.

Il cartellone prende avvio con la Stanford University Jazz Orchestra, ospite per due concerti in apertura del Festival, e si concluderà con il Quintetto dell’ambasciatore del jazz nel mondo, il pianista Herbie Hancock (per il tour dei suoi ottanta anni).

Tra gli ospiti anche il gruppo guidato dal funambolico chitarrista degli statunitensi VulfpeckCory Wong, la reunion del quartetto di John Patitucci, tra i più influenti bassisti contemporanei, gli Ozmosys del drummer Omar Hakim con il featuring del chitarrista Kurt Rosenwinkel, la Jazz Diva Dee Dee Bridgewater, con la sua vocalità, Gilberto Gil, preceduto da Mahmundi

Tra gli italiani, Stefano Bollani con il progetto solistico ispirato al musical Jesus Christ Superstar, il duo Paolo Fresu/Daniele Di Bonaventura, nel segno di un lirismo dagli aromi mediterranei, la pianista Rita Marcotulli con la cantante Chiara Civello, per la prima volta insieme sul palco, Mauro Ottolini con la sua Orchestra dell’Ottovolante e la vocalist Vanessa Tagliabue Yorke, e ancora Enzo Favata con il suo The Crossing 4et, il bassista Danilo Gallo, tra le più innovative figure del jazz nazionale, Roberto De Nittis “Dada”, pianista, premio Top Jazz 2019 della rivista MusicaJazz come miglior nuovo talento italiano; i nostri Claudio Cojaniz/Giovanni Maier, nuovamente insieme, il trio della vocalist Alessandra Franco con Anna Garano Simone Serafini, il compositore e arrangiatore Bruno Cesselli, Max Ravanello con un ensemble di 6 tromboni, e la Udin&Jazz Big Band, con i migliori giovani talenti regionali di nuovo assieme.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il programma e gli artisti qui citati sono confermati con l'incognita rappresentata dal possibile protrarsi, fino ad inizio estate, del divieto di tenere manifestazioni pubbliche e di spettacolo.

Visited 3 times, 1 visit(s) today
Condividi