Turriaco, nuovo progetto per il Parco dell’Isonzo

imagazine livio nonis

Livio Nonis

10 Marzo 2021
Reading Time: 4 minutes
Condividi

Verrà presentato al tavolo della concertazione 2021-23

Condividi

L’amministrazione comunale di Turriaco presenterà al tavolo della concertazione 2021-23 un apposito progetto per richiedere un contributo per una generale riqualificazione e la creazione di un'area di sosta temporanea per camper nell’ambito del Parco comunale dell’Isonzo.

L’obiettivo è quello di realizzare un ampliamento del parco comunale sito lungo il corso del fiume Isonzo, con la creazione di un’area attrezzata per la sosta temporanea dei camper, l’espansione dell’area parcheggio esterna all’area golenale con successiva dismissione di quella attualmente presente all’interno, la creazione di locali adibiti a servizi igienici, l’installazione di un locale da adibirsi a promozione turistica del luogo, con possibilità di noleggio bici o attrezzature da passeggio, la creazione di nuove installazioni ludiche a sostituzione di quelle deteriorate, nuovi elementi accessori nell’area pic nic, elementi complementari alla celebrazione dei matrimoni.

“Nel corso degli ultimi anni – spiega l’assessore ai lavori pubblici, Nicola Pieri – i due parcheggi a servizio del parco hanno visto stazionare diversi camper, per soste temporanee che spesso si prolungavano a qualche giorno. Per questo motivo, obiettivo di questa concertazione è ottenere le risorse necessarie per la regolarizzazione della situazione, individuando un’area dedicata alla sosta temporanea dei camper e attrezzandola di tutti i servizi necessari, liberando le aree golenali e provvedendo alla loro ri-naturalizzazione”.

Per una più generale riorganizzazione dell’area, in ottica di una valorizzazione delle risorse naturalistiche, si vuole cogliere l’occasione per aumentare la dimensione del parcheggio esterno all’area golenale in maniera tale da poter ospitare la sosta degli autoveicoli dei fruitori dell’area pic-nic, del percorso natura o dell’area giochi e al tempo stesso ri-naturalizzare l’area interna alla golena del fiume.

“L’ubicazione individuata – sottolinea Pieri – è perfetta sia per lo stazionamento e la fruizione delle risorse naturalistiche comunali (percorsi ciclo-pedonali, ulteriormente sviluppati a breve da quando previsto nel PSR Mar eTiaris) ma anche quale punto di partenza per apprezzare le varie tipicità che le zone limitrofe offrono: litorale monfalconese, riserve naturali dell’isola della Cona e della foce dell’Isonzo, Monfalcone con la sua Rocca e il Museo della Cantieristica, Grado, Aquileia, Carso e Collio si trovano tutte in u raggio di circa 20 km. Oltre a essere un’ottima base di partenza per località turistiche più note, potrebbe contribuire alla valorizzazione dei servizi e delle attività comunali, creando una micro-economia molto apprezzata sul territorio”.

La zona strettamente riservata allo stazionamento consentirà la sosta di circa 8 automezzi: “Si è scelto – aggiunge l’assessore – di optare per un basso numero di caravan in rapporto all’ampiezza dell’area per dare un servizio migliore all’utente privilegiando un’accurata dotazione di spazi per stallo. L’area sarà chiaramente delimitata, dotata di un ingresso, un’uscita e adeguato spazio di manovra interno. L’ingresso e l’uscita all’area di sosta avverranno utilizzando la viabilità esistente nella parte terminale di via Roma”.

Al fine di garantire una maggiore riservatezza tra le piazzole si prevedono mascheramenti realizzati con piantumazioni in aree a verde posizionate lateralmente agli stalli. L’area sarà dotata di adeguata struttura auto-igienizzante per lo scarico fognario, mentre le piazzole saranno dotate di allacciamento idrico ed elettrico mediante colonnine multifunzione (in ragione di una colonnina per due stalli). Gli stalli saranno realizzati con elementi modulari forati per permettere un adeguato drenaggio, mantenendo però la superficie usufruibile anche in caso di pioggia, mentre l’area di manovra sarà asfaltata.  Al fine di contenere il rumore causato dalle utenze e a protezione delle specie faunistiche presenti in zona verranno messi a dimora delle alberature delle siepi a delimitazione della zona e a formare un’adeguata barriera visiva e antirumore. Verrà messo a dimora anche un albero ogni area verde separante gli stalli sia con funzione delimitatrice degli stessi sia con funzione ombreggiante.

L’area sarà illuminata potenziando la rete di illuminazione pubblica già presente sulla via di accesso al parco e nell’attuale parcheggio esterno all’argine, e sarà controllata con un sistema di videosorveglianza. Verrà eseguita e installata apposita segnaletica orizzontale e verticale per una corretta e sicura movimentazione degli autoveicoli, ricavata un’apposita piazzola per il conferimento dei rifiuti in maniera differenziata e verrà installata apposita cartellonistica turistica multilingue.

L’area verrà adeguatamente dotata di attrezzature per il pic-nic, per la cottura di cibi all’aperto e di spazi attrezzati per l’intrattenimento dei bambini, oltre a quelli già esistenti all’interno del parco.

La gestione degli arrivi e delle partenze degli ospiti non sarà oggetto di controlli (eccezion fatta per i normali controlli della polizia municipale e delle altre forze dell’ordine) mentre lo stazionamento dei veicoli potrà essere gestito adottando sistemi più o meno automatizzati per il pagamento della sosta.

Il parco è attualmente dotato di due aree adibite a sosta per gli autoveicoli, entrambe situate all’interno dell’argine non lontane dal corso del fiume. Nel corso del 2017 è stato creato un primo parcheggio esterno all’area golenale, per un totale di circa 40 posti auto. Obiettivo di questa generale riqualificazione è quello di estenderne l’area, per arrivare ad un raddoppio dei posti auto, per poter definitivamente eliminare uno dei due parcheggi interni all’argine, con una rinaturalizzazione dell’ambiente.

A servizio dell’area di sosta per camper, ma più in generale per l’intera zona del parco comunale, potrà essere realizzato un blocco di servizi igienici. “Trovandoci in ambiente naturalistico – specifica Pieri – è indicata la soluzione di un bagno prefabbricato autopulente, fruibile anche ai portatori di disabilità, disponibile in varie configurazioni e rivestimenti, eventualmente anche con pannelli fotovoltaici per gestire situazioni in assenza di reti fognarie, idriche ed elettriche”.

In prossimità della zona camper e del parcheggio ci sarà un’installazione permanente, che funga da area informativa, punto di noleggio bici, zona di controllo dell’area e più in generale una zona di servizio in previsione di una possibile futura gestione del parco.

Oltre alla riqualificazione dell’area picnic e dell’area giochi, il parco verrà dotato di apposita installazione, ad esempio una gloriette, per consentire la celebrazione di matrimoni.

Il quadro economico prevede un investimento complessivo di 250.000 euro: i lavori dovrebbero aver luogo fra l’autunno del 2022 e la primavera del 2023.

Visited 20 times, 1 visit(s) today