Proseguono a Ronchi le mostre del Festival del Giornalismo

Reading Time: 2 minutes
Condividi

Fino al 30 agosto è ancora possibile visitare ‘Macelleria mafia’, ‘Appunti fotografici’ e l’omaggio ad Andrea ‘Andy’ Rocchelli

Condividi

Sigrfido Ranucci vista le mostre (© Luca d’Agostino / Phocus Agency)

RONCHI DEI LEGIONARI – Dopo il successo della decima edizione del Festival del Giornalismo di Leali delle Notizie, i riflettori restano ancora accesi sulle mostre.

Sono tre, infatti, le esposizioni inaugurate in occasione del Festival e della sua ‘anteprima’ che, dal 24 maggio all’1 giugno, ha portato con ‘Aspettando il Festival…’ occasioni di riflessione su temi di attualità in otto Comuni dell’Isontino e della Bassa Friulana.

Nel dettaglio, nella sede dell’associazione Leali delle Notizie (piazzetta Francesco Giuseppe I a Ronchi), è allestita Macelleria mafia dei reporter Franco Lannino e Michele Naccari.

L’esposizione, in collaborazione con Teatro Miela Bonawentura di Trieste e Associazione Apertamente di Monfalcone, racconta la carneficina che si è consumata per le strade di Palermo e della provincia, soprattutto nel cosiddetto ‘triangolo della morte’, a partire dagli anni Ottanta. Gli scatti saranno visibili fino al 30 agosto (orari: dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 18).

All’Auditorium comunale Casa della cultura di Ronchi dei Legionari, invece, è allestita Appunti fotografici di Pietro Del Re.

Le immagini raccontano dei conflitti, delle pestilenze e dei disastri ambientali che Del Re ha coperto come inviato negli ultimi quindici anni. L’esposizione sarà visitabile fino al 30 agosto e si può visitare dalla vetrina esterna.

(© Luca Valenta / Phocus Agency)

Infine, prosegue anche l’omaggio Finestre per Andy 2014-2024. Grazie alle foto posizionate nel centro di Ronchi dei Legionari, fra il municipio e l’auditorium, Leali delle Notizie ha voluto nuovamente accendere i riflettori sulla storia di Andrea ‘Andy’ Rocchelli, il fotoreporter ucciso dieci anni fa nella guerra del Donbass.

All’inaugurazione, nel corso della prima giornata del Festival, erano presenti i suoi genitori, Rino Rocchelli ed Elisa Signori, assieme, tra gli altri, a Giuseppe Giulietti, coordinatore nazionale Articolo 21.

Il ricordo di ‘Andy’ Rocchelli ha caratterizzato anche l’ultima giornata della manifestazione, domenica 16 giugno, grazie al monologo di Marta Cuscunà con l’accompagnamento musicale di Alessio e Giuliano Velliscig, che ha preceduto l’intervento sul palco della famiglia Rocchelli, a testimoniare il costante impegno dell’associazione ronchese a favore della libertà di stampa e di espressione e dalla parte dei giornalisti che hanno perso la vita per raccontare l’attualità. Per loro, Leali delle Notizie continua la battaglia per ottenere verità e giustizia.

Anche questa mostra sarà visitabile fino al 30 agosto.

Visited 42 times, 1 visit(s) today