Friuli Venezia Giulia, una montagna per tutti

imagazine_icona

redazione

14 Giugno 2021
Reading Time: 4 minutes

Oltre 2.500 esperienze sulle cime

Condividi

Oltre 2.500 esperienze e 14 calendari di animazione per scoprire e vivere la montagna del Friuli Venezia Giulia.

Benessere, trekking, active, storia, cultura sono i format sui quali punta la propria offerta l’arco alpino della regione, pronto a riaccogliere i turisti in completa sicurezza e con proposte “su misura” per tutti gli ospiti, da quelli più allenati ai meno esperti, con un occhio speciale alle famiglie.

Dalle Dolomiti friulane alle Alpi Giulie fino al Gemonese, attraversando la Carnia e i fondovalle, sono tante le occasioni per trascorrere momenti di relax immersi nella natura, rigenerare il corpo e la mente e praticare sport nella cornice di panorami unici e incontaminati.

Una montagna da vivere 365 giorni all’anno che PromoTurismoFVG vuole valorizzare, accanto alla stagione invernale, anche negli altri mesi per accontentare chi cerca natura, pace e relax fuori dal caos della quotidianità e i sei nuovi video ‘Look different realizzati da PromoTurismoFVG la raccontano in maniera inedita e appassionante.

Con l’apertura anticipata degli impianti nei comprensori della montagna, nel massimo rispetto delle normative anti-covid e l’incentivazione delle prenotazioni e degli acquisti dei ticket online, PromoTurismoFVG ha ufficialmente avviato la stagione estiva sulle cime.

Arrampicate, sentieri selvaggi e cieli stellati da scoprire con un’uscita notturna, passeggiate naturalistiche e alla scoperta di rifugi e ancora tante escursioni tra le bellezze naturalistiche che conserva e custodisce la montagna del Friuli Venezia Giulia. Per gli appassionati di botanica immersioni con il forest bathing, i colori della natura e quelli dell’alba, e ancora tanta storia, protagonista su diversi tracciati e sentieri, tra i monti e ai piedi delle alture che hanno fatto da tragico scenario alle grandi guerre del Novecento.

Sono passate da 1.300 a 2.500 le esperienze proposte in montagna per la stagione 2021, organizzate da PromoTurismoFVG con la collaborazione dei territori e dei dieci ambiti, che hanno “lanciato” i 14 calendari di animazione definiti assieme alle reti e ai consorzi delle aree di Piancavallo, Valcellina, Parco Dolomiti Friulane e Forni di Sopra, Sauris, Sappada e Forni Avoltri, Zoncolan, Carnia centrale e Ampezzo, Tarvisiano e Gemonese, Valli del Torre, Valli del Natisone e Carso.

Oltre 2200 possibilità di vivere l’outdoor accompagnati da esperte guide, in aggiunta a circa 250 appuntamenti tra Valli del Torre, Natisone e Carso per una proposta che accontenta amanti del trekking, con passeggiate ed escursioni tematiche per riappropriarsi del proprio tempo e spazio tra i dolci pendii che ospitano verdi pascoli e malghe; un pubblico active, con esperienze più adrenaliniche e rigeneranti open air a contatto con una natura incontaminata; chi vuole esperienze easy, per una montagna a portata di tutti, o wellbeing, per chi ricerca l’armonia tra corpo e mente attraverso il contatto con la natura; non senza dimenticare gli amanti della storia, per scoprire i principali musei all’aperto ed itinerari con le testimonianze del primo conflitto mondiale, e della cultura, a caccia di luoghi poco conosciuti ai margini di strade già battute. Naturalmente, anche sulle cime non mancherà l’offerta enogastronomica, con una serie di attività pensate proprio per gli amanti dei sapori genuini e autentici dagli aderenti alla Strada del Vino e dei sapori del Friuli Venezia Giulia.

Tra le migliaia di proposte – saranno tutte on line nei prossimi giorni e saranno disponibili a breve anche pacchetti turistici integrati – a Sappada la parola d’ordine per l’estate 2021 è natura, da scoprire con un’immersione dei cinque sensi e lo Shin Rin Yoku, un forest bathing nei boschi per imparare a percepire la natura ascoltando il proprio corpo, sul Piancavallo da non perdere la Triathlon experience, un connubio di tre attività sportive diverse (bike, trekking, arrampicata sugli alberi) ma connesse tra loro, in Valcellina il percorso Kneipp per risalire a piedi la corrente immersi nelle fresche acque del torrente Settimana, mentre lo Zoncolan, pianeta delle due ruote, rimane tappa prediletta per le escursioni in e-bike o in alternativa a cavallo, per perdersi nella magica vegetazione di queste alture.  

Le Dolomiti offrono escursioni naturalistiche tematiche per scoprire la ricchezza della biodiversità del Parco Delle Dolomiti Friulane, a Forni di Sopra si potrà osservare il cielo stellato tra costellazioni, pianeti, la luna e le stelle cadenti o ancora, per i più piccoli, le escursioni in compagnia dell’asinello Biagio, dolce mascotte della località, mentre Sauris incanterà per il suo specchio d’acqua, il lago da attraversare in canoa o con l’escursione in sup, e anche da Arta Terme ci si potrà divertire con escursioni di canyoning e soft rafting nelle più suggestive location della Carnia e sul Tagliamento.

Tarvisio, nella cornice della foresta millenaria, è il luogo adatto per le escursioni a piedi tra le cime e alla scoperta dei rii che scavano le montagne, o della Val Saisera, con l’itinerario del Piccolo Miezegnot e Jôf di Miezegnot.

Per chi volesse scoprire l’area del Gemonese ci sono le passeggiate nella natura a Sella Sant’Agnese e attorno al lago Minisini, nelle Valli Torre le uscite speleologiche nelle Grotte di Villanova sono adatte a tutti, mentre nelle Valli del Natisone si potrà andare alla scoperta delle erbe e dei prodotti di queste zone. Per gli amanti delle arrampicate la palestra più spettacolare è sicuramente quella del Carso, con un’esperienza di climbing con vista mare, e nemmeno gli appassionati di storia rimarranno delusi: le visite guidate sul Monte San Michele tra guerra e letteratura saranno un’occasione per conoscere meglio gli avvenimenti della Grande Guerra. Non mancherà nemmeno la cultura: per chi volesse scoprire uno dei gioielli più preziosi del Friuli Venezia Giulia c’è Pesariis, il paese degli orologi dove il tempo sembra essersi fermato.

Gli impianti del Friuli Venezia Giulia sono ripartiti. In anticipo rispetto agli scorsi anni, sono stati riaperti in sicurezza a partire dalla telecabina del Lussari, lo scorso 29 maggio, Forni di Sopra e Piancavallo già dal weekend successivo, per poi passare a Sappada e a seguire, il primo fine settimana di luglio, verranno avviati anche Sella Nevea e Zoncolan.

Le regole di accesso prevedono misure diverse a seconda della tipologia, con 100% della portata massima sulle seggiovie e telecabine e funivie a metà capienza, con passeggeri sempre muniti di mascherina.

Visited 7 times, 1 visit(s) today
Condividi