La tradizione viennese risuona a Trieste

Armida Quartett protagonista sul palco del Miela per la Stagione cameristica Cromatismi 3.0 di Chamber Music Trieste

Condividi
Tempo di lettura: 2 minutes
Armida Quartet

Da Vienna” è il filo rosso del prossimo concerto della Stagione cameristica Cromatismi 3.0 di Chamber Music Trieste: una proposta legata al percorso di tradizione centro-europea del cartellone diretto dalla pianista e musicologa Fedra Florit, un viaggio ricco di suggestioni nella migliore scrittura musicale per Quartetto d’Archi dei grandi compositori della tradizione viennese.

Mercoledì 3 aprile, al Teatro Miela alle 20.30, protagonista sarà Armida Quartett, la formazione d’Archi nata nel 2006 a Berlino, composta da Martin Fulda e Johanna Staemmler violini, Teresa Schwamm viola e Peter-Philipp Staemmler violoncello.

Il programma

Due Quartetti di Wolfgang Amadeus Mozart apriranno e suggelleranno il concerto, il Divertimento in fa magg. KV 138 e il Quartetto in do magg. “Dissonanzen” KV 465, intervellati da un omaggio a Franz Joseph Haydn, il Quartetto in si bem. magg. op.76 n.4.

Un repertorio che bene esprime la cifra stilistica di Armida Quartett, che proprio a Mozart e al suo genio innovativo dedica da anni molte ricerche e gran parte della prodizione e divulgazione musicale del gruppo.

Mentre nel nome del Quartetto è insita la dedica ad Haydn e alla sua celebre “Armida”.

Il Divertimento in fa magg. KV 138 di Mozart riprende la tradizione settecentesca dei Diverti- menti legati al gusto di far musica insieme e riflettono una identica struttura formale, in cui si alternano movimenti di danza e passaggi solistici e virtuosistici.

Proseguendo nel programma del concerto incrociamo il Quartetto in si bem. magg. op.76 n.4 di Franz Joseph Haydn detto Quartetto “delle dissonanze” , caratterizzate da un gioco strumentale elaborato e vivace e da un Finale vaporoso nel gioco serrato dei quattro archi.

Il Quartetto in do magg. “Dissonan- zen” KV 465 di Wolfgang Amadeus Mozart chiude il ciclo dei sei dedicati a Haydn, e esemplifica la personalissima consapevolezza del genio di Salisburgo nel guardare al modello dei Quartetti “russi”.

Mozart evita il gusto popolare così caro ad Haydn, e preferisce un materiale melodico di impronta più dotta, un contenuto armonico più spregiudicato, una elaborazione contrappuntistica ispirata dalle opere di Bach e Händel.

Visited 20 times, 1 visit(s) today
Condividi

Data

03 Apr 2024
Scadenza

Ora

20:30

Luogo

Teatro Miela, Trieste
piazza Duca degli Abruzzi
Categorie

Comune

Trieste

La Guardia di Finanza festeggia in Barcolana i 250 anni

La regata del 13 ottobre sarà uno dei cinque eventi di carattere internazionale a cui...
Il sindaco Ziberna e l'assessore Del Sordi con una delegazione di agenti

La Polizia locale di Gorizia cerca nuovi agenti

Presentati i dati del 2023. Il comandante Muzzatti: "Organico sottodimensionato: a breve un nuovo concorso"...
Il Teatro Verdi di Muggia

Muggia: Teatro Verdi monumento nazionale

Ufficializzata la nomina dopo il via libera della Camera dei Deputati della proposta di legge...
Il Museo della Cantieristica a Monfalcone

La primavera rilancia il Museo della Cantieristica

Svelata a Monfalcone la programmazione per il 2024. Previste mostre, passeggiate culturali, visite guidate e...
Tutti gli articoli