Gorizia, storia postale

Dall’età antica alla caduta del “muro di Gorizia”: mostra alla Biblioteca statale isontina. Esposti qualche centinaio di pezzi

Condividi
Tempo di lettura: 2 minutes

Si intitola Gorizia, storia postale. Dall’età antica alla caduta del “muro di Gorizia” la mostra che inaugurata oggi alla Biblioteca statale Isontina.

La mostra sarà visitabile dal 7 al 18 maggio, nelle sale d’accesso ai piani della Biblioteca statale Isontina, negli orari d’apertura della biblioteca stessa.

L’occasione che ha portato all’idea dell’esposizione è l’emissione, da parte di Poste Italiane, del francobollo ordinario “La caduta del muro di Gorizia”. Il francobollo ricorda i vent’anni della caduta del Muro di Gorizia, ovvero del confine fra Gorizia e Nova Gorica e fra l’Italia e la Slovenia. L’emissione è stata effettuata lo stesso 7 maggio.

La mostra curata da Antonio Grusovin, collezionista privato goriziano, componente dell’associazione di Storia postale del Friuli e della Venezia Giulia, in collaborazione con altri collezionisti comprende qualche centinaio di pezzi e ripercorre, in un quadro storico-descrittivo, l’evoluzione del sistema postale nell’area mitteleuropea.

L’evento è patrocinato dal Comune di Gorizia e si avvale di altre prestigiose collaborazioni.

L’esposizione

“Tra le altre, viene esposta spiega il curatore – corrispondenza inviata da o attraverso Gorizia nel XVI secolo, altra pertinenti all’occupazione francese delle province Illiriche, ma si vedranno anche le prime lettere recanti francobolli austriaci e quelle inviate non appena avviene il passaggio di Gorizia Regno d’Italia dopo la Prima guerra mondiale, nonché lettere spedite nel periodo del governo militare alleato della Venezia Giulia”.

Nel territorio goriziano, l’istituzione di corsi regolari di posta risale al XVI secolo con un servizio, definito in ambito storico postale come prefilatelico, precedente cioè all’emissione dei francobolli. A seguito dell’emissione dei primi francobolli d’Austria nel 1850, vengono aperti vari uffici postali sia in città che nel resto della Contea di Gorizia.

“L’esposizione filatelica, il cui “supporto” è costituito in buona parte dalle lettere – commenta il direttore della Bsi, Luca Caburlotto – trova ideale spazio nel mondo dei testi a stampa e dei manoscritti, per la grandissima importanza che lo scambio epistolare ha avuto fino a tempi recentissimi per lo sviluppo della conoscenza e della cultura e delle stesse relazioni tra le stesse personalità che ne sono state protagoniste”.

All’inaugurazione sono intervenuti anche l’assessore ai lavori pubblici del Comune di Gorizia, Sarah Filisetti, di Peter Suhadolc, presidente del circolo Kosir di Trieste, vicepresidente della Federazione slovena di filatelia e consigliere d’amministrazione della Federazione internazionale di filatelia. Hanno presenziato all’inaugurazione l’onorevole Carlo Giovanardi, Bruno Crevato-Selvaggi, presidente della Federazione italiana di filatelia, e Sergio Visintini, presidente dell’associazione di Storia postale del Friuli e della Venezia Giulia.

Visited 54 times, 1 visit(s) today
Condividi

Data

18 Mag 2024
Scadenza
Categorie

L’Adriatico nell’arte del manifesto

Un secolo di navigazione sulle rotte del mondo. Il legame di Monfalcone con il cantiere...

La Festa dello Sport entusiasma Aiello

Oltre 180 studenti delle scuole primarie e medie hanno potuto sperimentare diverse discipline sportive. Con...

Tra Gorizia e l’Isontino il ritorno di Crocevie

Presentata la quarta edizione del festival: dal 9 giugno al 6 luglio libri, musica e...

Roditori coraggiosi: dal FVG primo progetto in Europa

Ricercatori studieranno come la personalità dei piccoli mammiferi influenzi la dispersione dei semi, valutandone i...
Tutti gli articoli