Aquileia Film Festival, il giorno di Suad Amiry

imagazine_icona

redazione

29 Luglio 2022
Reading Time: 2 minutes

Proiezione de “Il giuramento di Ciriaco”

Condividi

Venerdì 29 luglio l’Aquileia Film festival si immerge nell’attualità con l’ultimo film in concorso per questa XIII edizione: Il giuramento di Ciriaco – regia di Olivier Bourgeois. Il film, interamente girato dentro al Museo archeologico di Aleppo durante la guerra civile in Siria del 2011, vuole rilanciare un messaggio di speranza perché la cultura intesa come conoscenza dell’altro può e deve essere un’alternativa ai conflitti che coinvolgono l’umanità. 

La pellicola mostra per la prima volta al pubblico la corsa contro il tempo di archeologi, operai e custodi che 10 anni fa portarono in salvo 24.000 reperti del Museo di Aleppo sotto i bombardamenti: donne e uomini che ogni mattina vanno verso il museo sotto una grandine di proiettili, affrontando il fuoco dei cecchini, spesso dormendo in terra al museo, nel tentativo di portare a termine la loro missione e mettendo così al sicuro un patrimonio archeologico fondamentale per la storia del Vicino Oriente.

Ospite della serata la scrittrice e architetto palestinese Suad Amiry, originaria di Damasco, ha vissuto tra Amman, Damasco, Beirut e Il Cairo. Da sempre si batte per la pace in Medio Oriente e nel 2014 è stata anche vincitrice del rinomato Premio Nonino Risit d’Aur. Suad Amiry è anche fondatrice del Riwaq Centre a Ramallah (dove risiede dal 1981) a tutela del patrimonio architettonico e culturale palestinese, così come delle tradizioni e la memoria del relativo popolo.

Nel corso della serata sarà assegnato il Premio Aquileia, un mosaico degli allievi della Scuola Mosaicisti del Friuli, al film più votato dal pubblico.

L’ingresso è gratuito e per chi non può esserci è possibile seguire le conversazioni e le proiezioni di tutte le serate del Festival anche in streaming dal sito www.fondazioneaquileia.it

Il Festival prosegue domenica 31 luglio con il primo dei film “fuori concorso”: in programma “La scelta di Maria, il docufilm diretto da Francesco Miccichè e interpretato da Cesare Bocci, Sonia Bergamasco e Alessio Vassallo, narra le vicende di Maria Bergamas, madre di uno dei fanti dispersi sul fronte della Prima guerra mondiale, che scelse tra undici salme di soldati non identificati quella del Milite Ignoto, in una cerimonia che si tenne all’interno della Basilica di Aquileia il 28 ottobre 1921.

La scelta di Maria” è stato prodotto da Gloria Giorgianni, in collaborazione con Rai Cinema, Fondazione Aquileia, Comune di Aquileia e Istituto Luce-Cinecittà con il patrocinio del Ministero della Difesa. L’iniziativa ha il supporto anche della Regione Friuli Venezia Giulia e di PromoTurismo FVG.

 

Visited 14 times, 1 visit(s) today
Condividi