Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Grazie a Effedi Automation

Società
23 dicembre 2020

Dal Friuli il robot che decora l'albero di Natale

a cura della redazione
Attraverso pinze adattive agili e flessibili a prendere con delicatezza le palline una a una e a posizionarle nel punto voluto da chi lo ha programmato
CONDIVIDI
37571
Federico Nardone (© Anna Tsaplina – Airone Foto)
Società
23 dicembre 2020 della redazione

Esperienza, creatività e innovazione hanno consentito alla friulana Effedi Automation di dare vita a una soluzione inedita: il robot che decora l’albero di Natale, grazie alle pinze adattive che riescono a prendere con delicatezza le palline una ad una e a posizionarle nel punto esatto voluto da chi lo ha programmato.

Da quest’anno è possibile avere anche il robot che decora l’albero.

Tra le particolarità che distinguono la progettazione Effedi Automation, ci sono la versatilità e la flessibilità delle pinze adattive realizzate. «Non necessariamente se si parla di robot si deve pensare a componenti rigide per essere efficienti – spiega l’ingegner Federico Nardone, fondatore e amministratore della società –. Ora si realizzano componenti soft, utilizzando materiali morbidi e flessibili, che permettono la manipolazione di oggetti di diversa natura. Le pinze sono realizzate con tecnologia additiva in stampa 3d, la loro struttura è stata pensata e realizzata ispirandosi alla natura e in particolare al funzionamento dei tentacoli del polpo».

Non solo. Effedi Automation è in grado anche di combinare materiali diversi, realizzando quindi pinze con materiali di durezza differenti.

«Le pinze sono realizzate con materiali biocompatibili, che non hanno la necessità di parti meccaniche a incastro e sono realizzate con materiale composito: le dita che compongono la presa della pinza sono realizzate con materiali flessibili, la base e la parte rigida della pinza con materiali rigidi».

 

 

 

 

 

 

 

 

 

In questo modo, prosegue l’ingegnere, «per il robot è possibile adattarsi ai materiali che sta manipolando e controllare in maniera ottimale sia l’apertura che la chiusura della pinza, un movimento generato utilizzando l’aria compressa».

Commenti (0)
Comment