Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Siglato a Palmanova

Attualità
17 novembre 2020

Accordo tra Regione FVG e pediatri per tamponi rapidi e presa in carico

a cura della redazione
Nuovo passo nel rafforzamento delle attività territoriali di diagnostica di primo livello e di prevenzione della trasmissione del coronavirus
CONDIVIDI
36991
La sigla dell'intesa a Palmanova
Attualità
17 novembre 2020 della redazione

Siglata oggi l'intesa tra Regione FVG e le organizzazioni sindacali (Fimp e Cipe) dei pediatri di libera scelta per l'attuazione del rafforzamento delle attività territoriali di diagnostica di primo livello e di prevenzione della trasmissione del coronavirus.

Nel dettaglio, come spiegato dal vicegovernatore Riccardo Riccardi, i pediatri di libera scelta si impegnano a svolgere quella attività di sorveglianza sanitaria declinata nelle fasi dell'effettuazione del tampone antigenico rapido e della successiva eventuale presa in carico del paziente.

Da parte loro il Commissario per l'emergenza e la Regione, attraverso le articolazioni del sistema sanitario e al fine di garantire ai pediatri le migliori condizioni di lavoro, metteranno a disposizione i tamponi antigenici, gli spazi dove effettuare gli esami e i dispositivi di sicurezza, oltre a provvedere alle sanificazioni, al trattamento dei rifiuti speciali e alla disponibilità del sistema informatico per la registrazione dei dati.

Si tratta di un altro passo in avanti, come ha sottolineato il vicegovernatore, verso un rafforzamento dell'attività di indagine epidemiologica attraverso l'accertamento diagnostico, con l'obiettivo di identificare rapidamente i focolai, isolare i casi e curare al meglio i pazienti.

"All'intesa di oggi - ha concluso Riccardi - auspichiamo faccia seguito anche quella con i medici di medicina generale, nell'ottica di un processo di dialogo e di condivisione con i professionisti ai quali è affidato il compito di fronteggiare la pandemia sul territorio, al fine di curare, se le condizioni di salute lo consentono, le persone a domicilio evitando gli intasamenti dei Pronto soccorso".

Commenti (0)
Comment