Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Anna Beltrame Radislovich

Società
01 settembre 2020

Ago, filo e passione

di Livio Nonis
L'ex cittadina di Turriaco ha voluto donare al Comune il libro che ripercorre tutti i lavori da lei realizzati in favore della comunità
CONDIVIDI
35812
Sonia Beltrame e il marito Paolo Radislovich durante l'incontro con il sindaco di Turriaco, Enrico Bullian
Società
01 settembre 2020 di Livio Nonis Image

Sonia Beltrame Radislovich è una ex cittadina di Turriaco che ha mantenuto un attaccamento profondo verso il suo paese natale, dove ha trascorso gran parte della propria vita, prima di trasferirsi a Cormòns per ragioni familiari.

Ed è per testimoniare questo radicamento, che è soprattutto un legame affettivo, che ha deciso di donare all'Amministrazione comunale di Turriaco una copia della pubblicazione che raccoglie i suoi lavori di restauro tessile realizzati nel corso del tempo, da quel lontano 1998, quando si trovò a risistemare lo stendardo di San Rocco per la Parrocchiale.

Fu solo l'inizio di una lunga serie di interventi di ripristino su paramenti sacri, cuscini votivi, baldacchini, tovaglie, tutti ornamenti in pessime condizioni, sui quali Sonia interveniva, su richiesta di sempre più numerosi parroci del territorio, via via che si estendeva la sua reputazione. Di quando in quando, anche qualche lavoro su oggetti laici, come per esempio il lavoro di ripristino del primo stendardo comunale di Turriaco, oggi conservato in Sala del Consiglio.

Certosina pazienza, grande abilità manuale, conoscenza dei tessuti e delle tecniche di tessitura e ricamo, ma anche cura nella scelta dei materiali da utilizzare per i lavori di ripristino sono la chiave degli ottimi risultati raggiunti. Una soddisfazione personale aver avuto il plauso del compianto vescovo emerito Dino De Antoni e il successo di pubblico ottenuto dalle mostre organizzate a Sutrio, San Canzian d'Isonzo e a Grado dal Gruppo Costumi Tradizionali Bisiachi, di cui Sonia è socio fondatore.

La pubblicazione, autoprodotta in tiratura limitata, ripercorre la storia di quei restauri, grazie all'abilità narrativa di Gabriella Brumat Della Sorte, ed è anche la storia di una passione coltivata sin dalla primissima infanzia, ma fornisce anche, indirettamente, il racconto di eventi di carattere civile o solenne in occasione dei quali Sonia Beltrame ha fornito la propria preziosa collaborazione mettendosi al servizio della comunità.

Commenti (0)
Comment