Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Domenica 27 settembre

Cultura e Spettacolo
17 agosto 2020

Udine, Tosca colonna sonora del Premio Terzani

a cura della redazione
La cantante sarà protagonista della serata finale: la sua musica scandirà la cerimonia di premiazione e la conversazione con il vincitore
CONDIVIDI
35546
Tosca (ph. Paolo Soriani)
Cultura e Spettacolo
17 agosto 2020 della redazione

Sarà la cantante Tosca a firmare la “colonna sonora” della serata 2020 del Premio letterario internazionale Tiziano Terzani.  

Appuntamento domenica 27 settembre, dalle 21, nella ex Chiesa di S. Francesco a Udine, dove si svolgeranno la cerimonia di premiazione e la conversazione con il vincitore, che sarà proclamato dalla presidente di Giuria, Angela Terzani Staude, lunedì 24 agosto, alle 12, nell’ambito di un incontro stampa programmato su piattaforma Zoom. Il nome sarà scelto a partire dalla rosa dei finalisti che include cinque autori internazionali: Behrouz Boochani per Nessun amico se non le montagne. Prigioniero nell’isola di Manus (add editore); Erika Fatland per La frontiera. Viaggio intorno alla Russia (Marsilio); Amin Maalouf per Il naufragio delle civiltà (La nave di Teseo); Francesca Mannocchi per Io Khaled vendo uomini e sono innocente (Einaudi); Ece Temelkuran per Come sfasciare un paese in sette mosse. La via che porta dal populismo alla dittatura (Bollati Boringhieri).

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Al Premio Terzani Tosca farà tappa in un momento particolare della sua carriera, e della sua vita: reduce dalla partecipazione al Festival di Sanremo con il brano Ho amato tutto - con il quale si è aggiudicata il premio Giancarlo Bigazzi per la migliore composizione e il sesto posto in classifica - l’artista non nasconde che la pandemia ha profondamente trasformato il suo modo di affrontare la vita: «Mi sento come all'inizio di un nuovo viaggio con davanti una pagina bianca di un nuovo quaderno - spiega -. Ho deciso di vivere con ottimismo la ripartenza, di ritrovare empatia con le persone. Non possiamo fare finta che non sia successo nulla, ma è importante anche iniziare a reagire. È bello ritrovarsi, e ho voglia di cantare e suonare». 

Commenti (0)
Comment