Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Già al vaglio una versione internazionale

Sport
02 agosto 2020

Difesa e combattimento, successo per il Meeting di Grado

a cura della redazione
Diciassette istruttori, due campioni e oltre una cinquantina tra atleti navigati e neofiti del settore
CONDIVIDI
35395
Un momento del Meeting di Grado
Sport
02 agosto 2020 della redazione

Ha colpito nel segno il primo Meeting Multidisciplinare Sport da Combattimento&Self Defense di Grado. Nonostante un caldo estremamente afoso e umido, l'evento, organizzato dall'Asd Krav Maga National Academy in collaborazione con l'Ente di Promozione Sportiva Opes, ha riscosso successo, a tal punto che le associazioni presenti stanno già pensando a un'edizione internazionale.

Diciassette istruttori, due campioni (una giovanissima e uno dal passato glorioso) e oltre una cinquantina tra atleti navigati e neofiti del settore, che hanno calcato per quasi tre ore consecutive il campo in erba sintetica del Grado Sport Village, concesso per l'occasione dal gestore del rinnovato impianto, Igor Marussi.

Dopo aver eseguito alla lettera tutti i protocolli anticovid richiesti da Regione Friuli Venezia Giulia e dai Dpcm Ministeriali, gli istruttori hanno dato il via a decine di mini lezioni sui rudimenti delle varie arti di combattimento e self defense.

A destare molto interesse sono state le lezioni “private” impartite dall'ex campione di pugilato Stefano Zoff. Il “Pirata” di Monfalcone, classe '66, che ha chiuso la sua carriera con un titolo mondiale, tre europei, innumerevoli cinture tricolori e uno score di 43 incontri vinti sul 58, sul ring montato dagli organizzatori ha spiegato con pochi “ganci” cos'è boxare.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Mentre sul vicino tatami si sono avvicendati Andrea Ravanello della Acsd BOTTE DA ORBI di Latisana per l'arte marziale Silat; Franco Parmesan dell'A.S.D. Progetto Autodifesa (Trieste) per la Kickboxing/K1, nonché per la Savate/Boxe Francese l'istruttore Lorenzo Volcich.

Nella parte sinistra dal campo, invece, si sono alternati i maestri delle arti di Difesa Personale. Oltre al padrone di casa Marco Frandolic con il Krav Maga, all'opera anche il padovano Ivan Mazzocco con l'Israeli Kick e la Palestra Maxima di Trieste con la difesa personale metodo delta del maestro Walter Brumat, nonché Angelica Baruzza e la guardia del corpo ed esperto di aggressioni con armi da fuoco Federico Rudes.

I partecipanti al Meeting hanno potuto cimentarsi anche con l'istruttore Aldo Colabucci del Kalah FVG di Aquileia e con l'arte marziale Fu-Shih Kenpo Karate impartita dal Maestro Davide Sist della Palestra Skorpion di Pordenone.

Non c'erano solo associazioni regionali: a Grado sono arrivati anche i Guerrieri di Mestre del maestro Valerio Marsili con il Muay Thai e l'Asd Kusanagi di Ponzano (provincia di Treviso) con il Ju Jitsu.

Menzione particolare va alla giovanissima campionessa di casa: Nikita Marchesan, karateka gradese, che a soli quattordici anni vanta già un titolo tricolore, un secondo posto europeo e un sesto ai mondiali.

Commenti (0)
Comment