Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Nell'ambito del percorso di ristrutturazione della sede

Cultura e Spettacolo
16 luglio 2020

Turriaco, esposizione permanente in municipio

di Livio Nonis
Si potranno ammirare dieci fotografie a colori che ritraggono scorci inediti del territorio
CONDIVIDI
34971
L'atrio del municipio
Cultura e Spettacolo
16 luglio 2020 di Livio Nonis Image

L'atrio del municipio di Turriaco, più esattamente il vano scale, si arricchisce in forma stabile di un'altra esposizione permanente: accanto alle tavole fotografiche preesistenti che ripercorrono la storia di piazza Libertà dagli ultimi anni dell'Ottocento alla ristrutturazione dei primi anni 2000, ora si aggiungono dieci fotografie a colori che ritraggono altri scorci di Turriaco, particolari più o meno nascosti, testimonianze di un passato ormai lontano ma anche nuove installazioni, paesaggio urbano e rurale, natura e architettura, frutto di un lavoro di ricerca fotografica di Graziella Sgubin che erano già state oggetto, lo scorso autunno, della mostra "Spunti di Vista".

Sono immagini realistiche, concrete, non trasfigurate, dettagli o quadri d'insieme, natura o arte, il suo punto di vista su ciò che rende Turriaco particolare, ma anche uno spunto per riflettere, un invito a vedere, un modo per dare vita a qualcosa che per definizione è inanimato eppure, ritratto in questo modo, anch'esso pare dotarsi di un'anima.

"Con questa selezione - commenta l'assessore alla cultura e vicesindaco Carla De Faveri - abbiamo voluto lasciare una testimonianza di un paese che negli anni ha vissuto un processo di rinnovamento e ammodernamento, senza perdere né tradire il legame con la propria origine".

La collocazione in forma stabile di queste tavole fotografiche è parte di un percorso di "restyling" dell'atrio municipale, ormai costantemente adibito a spazio espositivo, che prevede anche un nuovo sistema per l'allestimento della mostra con dei pannelli mobili che andranno a sostituire i pur tanto usati prismi a griglia in ferro, ormai bisognosi di restauro.

Commenti (0)
Comment