Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Dal 25 luglio al 9 agosto

Cultura e Spettacolo
22 giugno 2020

Tra Grado e Palmanova musica per Giulio Regeni

a cura della redazione
Ritorna Onde Mediterranee Festival: quattro concerti al Parco delle Rose e in Piazza Grande. Ecco il calendario
CONDIVIDI
34560
Max Gazzè
Cultura e Spettacolo
22 giugno 2020 della redazione

Torna Onde Mediterranee Festival, che tra Grado e Palmanova propone quattro concerti di artisti di fama.

In sicurezza e nel rispetto delle norme anti Covid, da sabato 25 luglio a domenica 9 agosto (l’inizio dei concerti è alle 21.30) il Parco delle Rose di Grado e la Piazza Grande di Palmanova saranno debitamente attrezzati con gli spettatori alla corretta distanza, con i debiti controlli all’ingresso e con le norme di sanificazione e anti assembramento, richieste dal protocollo ministeriale.

Sabato 25 luglio, alle 21.30, al Parco delle Rose di Grado, Onde Mediterranee 2020 apre il Festival con Tosca e il suo “Direzione Morabeza”.

Un’altra presenza femminile calcherà il palcoscenico del Parco delle Rose di Grado martedì 4 agosto: Noa, accompagnata da Gil Dor alla chitarra.

La terza serata al Parco delle Rose di Grado, in programma giovedì 6 agosto, vedrà protagonista Daniele Silvestri con il suo “La cosa giusta Tour”.

Il Festival si concluderà a Palmanova con il concerto di Max Gazzè.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Onde Mediterranee Festival è un progetto ideato e realizzato dall’Associazione Culturale Onde Mediterranee, in collaborazione con Euritmica, gode del sostegno e patrocinio del Comune di Grado, Regione Friuli Venezia Giulia - Assessorato alla Cultura, PromoTurismo FVG, Fondo Gorizia CCIAA Venezia Giulia, Fondazione CaRiGo e della collaborazione di Grado Impianti Turistici, Consorzio Grado Turismo, Comune di Palmanova, Azalea.

Il festival è dedicato anche quest’anno al ricercatore friulano Giulio Regeni, ucciso nel 2016 in Egitto: Onde Mediterranee sostiene la famiglia nella sua incessante e doverosa ricerca di verità e giustizia.

Commenti (0)
Comment