Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Presentata indagine nazionale

Attualità
08 giugno 2020

FVG regione laboratorio per la tutela del mare

a cura della redazione
Avviato un progetto per fornire un contributo a livello nazionale ed europeo nella sperimentazione di politiche di difesa dell'ecosistema marino
CONDIVIDI
34398
(ph. ARC Montenero - Regione FVG)
Attualità
08 giugno 2020 della redazione

"Il Friuli Venezia Giulia con il suo mare, cui si lega storia, economia e sviluppo del territorio, si configura come una sorta di regione-laboratorio, in grado di offrire un contributo significativo a livello nazionale ed europeo nella sperimentazione di politiche di tutela e di difesa dell'ecosistema marino, anche avviando una stretta collaborazione con le Regioni e i Paesi che si affacciano nell'alto Adriatico. È un territorio ideale per lo sviluppo di economie e filiere produttive sostenibili e rispettose dell'ambiente marino e un'area di eccellenza anche per la ricerca di settore, grazie alla presenza di diversi istituti altamente specializzati, quali l'Ogs, insediati in regione".

Lo ha affermato l'assessore regionale a Ricerca e università Alessia Rosolen alla presentazione dell'indagine nazionale "Gli italiani e la tutela del mare e dell'ambiente" promossa dall'Istituto nazionale di oceanografia e di geofisica sperimentale - Ogs e realizzata da Swg, alla quale hanno preso parte la direttrice generale di Ogs Paola Del Negro, Maria Cristina Pedicchio, membro del cda di Ogs e presidente di Marevivo FVG, Maurizio Pessato, vicepresidente di SWG.

"I dati raccolti - ha aggiunto Rosolen - evidenziano conoscenze e valutazioni dell'opinione pubblica utili nella definizione di future strategie, nella consapevolezza che qualsiasi azione politica, per risultare efficace, debba essere condivisa con la collettività e partire dai reali bisogni e dalle aspettative dei cittadini".

La ricerca, realizzata a maggio, ha preso in esame l'importanza degli oceani, le minacce alla salute e la difesa del mare, l'economia e il settore della ricerca, dedicando un ambito anche al periodo post Covid-19, con l'obiettivo di capire quanto sia importante per l'opinione pubblica il mare e la sua tutela.

I dati rivelano che il 47% degli italiani ritiene di avere un buon livello di conoscenza del mare, l'84% si dichiara convinto che sia un ambiente gravemente a rischio per la presenza di plastiche e rifiuti (81%) e inquinanti chimici (78%) e reputa urgente avviare azioni di tutela. Sul fronte economico il 55% degli italiani pensa che il mare possa diventare motore di significativo sviluppo (55%), ma è altrettanto certo che l'Italia investa in ricerca marina meno degli altri Stati europei (53%).

La salute del mare e dell'uomo vengono considerate fortemente interconnesse: il 96% degli italiani ritiene che la salute degli individui sia legata a quella del mare e il 91% pensa che le attività antropiche influenzino la salute del mare.

Commenti (0)
Comment