Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Il 5 e 6 ottobre

Turismo
03 settembre 2019

Indietro nel tempo per scoprire il FVG

di redazione (fonte Consorzio Castelli)
Dal mare alla montagna 17 dimore storiche si aprono al pubblico per l'edizione autunnale di "Castelli Aperti"
CONDIVIDI
30865
Castello di Spessa
Turismo
03 settembre 2019 di redazione (fonte Consorzio Castelli)

 

Il 5 e 6 ottobre torna il week end di Castelli Aperti FVG, con 17 dimore aperte ai visitatori. Dal mare del golfo di Trieste alla montagna friulana, passando per le vigne dorate del Collio, Castelli Aperti è l’occasione per tornare indietro nel tempo e scoprire storia e tradizione transfrontaliera del territorio regionale.

Grazie all’opera del Consorzio per la Salvaguardia dei Castelli Storici del Friuli Venezia Giulia, manieri normalmente non accessibili si svelano tra saloni nascosti e giardini degni di una fiaba.  

Per l’edizione autunnale 2019 apriranno 17 dimore, in tutte le quattro province del Friuli Venezia Giulia: in provincia di Pordenone: Palazzo Panigai Ovio (Pravisdomini), Palazzo D’Attimis Maniago  e il Castello di Cordovado; nella provincia di Udine saranno Palazzo Romano (Case di Manzano), il Castello di Villalta (Villalta di Fagagna), Rocca Bernarda (Ipplis di Premariacco), il Castello di San Pietro (Ragogna), il Castello di Flambruzzo (Rivignano Teor), Palazzo Steffaneo Roncato (Crauglio di S. Vito al Torre), Casaforte La Brunelde (Fagagna), il Castello di Ahrensperg (San Pietro al Natisone), e le dimore di Strassoldo di Sopra e Strassoldo di Sotto; in provincia di Trieste il Castello di Muggia; in provincia di Gorizia il Castello di San Floriano del Collio, il Castello di Spessa di Capriva e Palazzo Lantieri a Gorizia.

L’ingresso a ogni singolo castello è di 7 euro (3,5 euro per i bambini dai 7 ai 12 anni). La prenotazione non è necessaria. Per maggiori informazioni è consigliabile visitare il sito del Consorzio www.consorziocastelli.it

 

Commenti (0)
Comment