Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Selezionati i finalisti del concorso di San Vito al Tagliamento

Cultura e Spettacolo
10 maggio 2019

In Friuli i prodigi del violino

di redazione (fonte Il Piccolo Violino Magico)
Attesa per il talent internazionale riservato ai giovanissimi tra i 9 e i 13 anni. In programma prove, mostre e altri eventi
CONDIVIDI
29547
Natsuho Murata, vincitrice dell'edizione 2018 (ph. Elia Falaschi Phocus Agency)
Cultura e Spettacolo
10 maggio 2019 di redazione (fonte Il Piccolo Violino Magico)

La giuria del concorso internazionale violinistico “Il Piccolo Violino Magico” di San Vito al Tagliamento, riservato a giovanissimi talenti da tutto il mondo d’età compresa tra i 9 e i 13 anni, ha decretato i sedici concorrenti che prenderanno parte all’edizione 2019.

Un format che è entrato a far parte dell’European Union of Music Competitions e che si sta guadagnando di anno in anno una reputazione pari alle più rinomate competizioni internazionali per violino come il Menhuin e il concorso di Montréal. «Questo concorso – afferma il presidente di giuria e direttore artistico Pavel Vernikov – ha tutte le potenzialità per diventare un’eccellenza mondiale, come sta accadendo. Ogni anno il numero di candidati cresce, così il livello di preparazione, talento e professionalità. La selezione pertanto non è stata né facile né piacevole, al punto da dover dar spazio non a quindici partecipanti, come vorrebbe il regolamento, ma a sedici, con la consapevolezza di non poterne escludere nessuno».

 

 

 

 

 

 

 

 

 

«Oltre a una giuria internazionale straordinaria – aggiunge il direttore organizzativo Domenico Mason, violinista, didatta, fondatore e direttore dell’Accademia d’Archi Arrigoni – capitanata da Vernikov e che vede quest’anno gli ottimi giurati Viktor Tretyakov, Sergej Krylov, Mariana Sirbu, Laura Gorna, Dong-Suk Kang e Sophie Rachlin, anche gli aspiranti “violinisti magici” sono di altissimo profilo, pur la loro giovanissima età. Inoltre il concorso sta raffinando sempre più collaborazioni con significative realtà e festival musicali regionali e accademie internazionali, come l’Associazione Liutaria Italiana di Cremona per cui sono previste mostre, laboratori e conferenze con riconosciute personalità del mondo musicale».

A guadagnarsi l’ingresso nelle finali di questa edizione de “Il Piccolo Violino Magico” sono i prodigi dell’archetto: dal Giappone Toma Arakawa e Hironori Yamaguchi, dalla Korea Kim Yejin, da Singapore Madeline Goh, dagli Usa Lira Masuda, dall’Australia Edward Walton, dalla Russia Stefania Pospekhina, dall’Ucraina Sofiia Kysliak e Margarita Pochebut, dalla Polonia Mateusz Izdebski, dalla Norvegia Amanda Noor Vatn, dalla Svizzera Ilva Eigus e Theodor Kaskiv, dalla Slovacchia Teo Gertler e dall’Italia Miryam Capuano e Flavia Napolitano.

L’appuntamento è dal 3 al 7 luglio, per una competizione che si svolgerà in due round più la finale, con diversi eventi anticipatori e collaterali. Come il concerto del solstizio d’estate al Faro Rosso di Lignano Sabbiadoro il 21 giugno con l’Accademia Arrigoni e ospite solista la vincitrice dell’edizione 2017 del concorso, Fiona Khuong Huu, per un concerto che verrà replicato il giorno successivo nella Basilica d’Aquileia. Questi e altri appuntamenti per un’offerta formativa e culturale che vedrà inoltre la partecipazione della Mitteleuropa Orchestra nella finale del 7 luglio. Si rafforza anche l’aspetto comunicativo del contest. Se per tre anni Videe ha reso celebre il concorso con film documentari di altissima qualità trasmessi su Sky Classica e Rai, quest’anno la partnership è con l’emittente newyorkese “The Violin Channel” chepermetterà la diffusione streaming di tutte le fasi del concorso.  

Info: www.ilpiccoloviolinomagico.it

Commenti (0)
Comment