Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Al Teatro Accademico di Stato

Cultura e Spettacolo
20 dicembre 2018

Debutto a Mosca per il friulano Altavilla

di redazione
L'attore pordenonese ha interpretato Toffolo nell’allestimento de "Le Baruffe Chiozzotte" andato in scena nella capitale russa
CONDIVIDI
27893
Luca Altavilla nei panni di Toffolo (ph. Serena Pea)
Cultura e Spettacolo
20 dicembre 2018 di redazione

L’attore pordenonese Luca Altavilla, a suggello dei 20 anni di carriera, è stato tra i protagonisti dell’allestimento della commedia goldoniana Le Baruffe Chiozzotte, al teatro Mossovet di Mosca dal 14 al 16 dicembre scorsi, con la compagnia del Teatro Stabile del Veneto. In questa occasione ha vestito i panni di Toffolo, un “batelante” che si mette a civettare con alcune giovani di Chioggia scatenando un litigio tra donne.

“Nella mia interpretazione di Toffolo cerco di dare nuova linfa al personaggio goldoniano – ha dichiarato Altavilla – entrando nell'anima di questo giovane battelaio motore delle baruffe. Come gli altri personaggi goldoniani, Toffolo fa parte di un mondo che ancora adesso, a secoli di distanza, affascina e stupisce, soprattutto fuori dai confini nazionali, per la sua vitalità. Ho già interpretato Toffolo in una precedente edizione internazionale delle Baruffe, presentata anche al Mittelfest una quindicina di anni fa, e quando Paolo Valerio mi ha chiesto di reinterpretare questo ruolo non me l’aspettavo. Ho accettato la sfida, e devo dire che sono molto felice di rifare Toffolo con più esperienza e sicurezza sul palcoscenico. Nella prima edizione mi trovavo all’inizio della carriera, avevo molta energia, sfrontatezza ed ero molto concentrato sul mio ruolo. Oggi, invece, ascolto il gruppo, sento il ritmo della scena, mi sento aperto e parte di una squadra, in particolare sento che Goldoni ha creato il personaggio di Toffolo affidandogli il ruolo di gancio con il pubblico, e ogni sera, di città in città, cerco di mettermi in contatto con il pubblico diverso che mi ritrovo di fronte”.

Commenti (0)
Comment