Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Al prezzo di 20,4 milioni di euro

Attualità
15 ottobre 2018

SBE Varvit acquisisce la VGV di Brescia

di redazione (fonte SBE Varvit)
La società del Gruppo Vescovini, con sedi anche a Monfalcone e Tolmezzo, intende raggiungere i 350 milioni di fatturato entro 5 anni
CONDIVIDI
27098
Veduta aerea dello stabilimento SBE di Monfalcone
Attualità
15 ottobre 2018 di redazione (fonte SBE Varvit)

Per aumentare ulteriormente la propria capacità di penetrazione sul mercato, sia in Europa sia negli Stati Uniti, ampliando la gamma commerciale offerta alla clientela, SBE Varvit SpA di Reggio Emilia ha acquisito il 68% di VGV Srl di Brescia, al prezzo di 20,4 milioni di euro, finanziati interamente con risorse proprie. L’obiettivo è quello di raggiungere 350 milioni di fatturato entro 5 anni, mantenendo gli attuali livelli di redditività, la capacità di investimento e di autofinanziamento.

Lo ha annunciato il presidente del consiglio di amministrazione di SBE Varvit, Alessandro Vescovini, azienda leader nella produzione di viti, dadi e prodotti di fissaggio, che opera nei principali mercati internazionali, dove serve le principali OEM mondiali, sia nel settore automobilistico che in quello dell’heavy duty, delle macchine agricole e movimento terra. 

VGV s.r.l  a sua volta è leader nella forniture industriali e nella commercializzazione di particolari ottenuti da lavorazione meccanica, tranciatura, stampaggio a freddo e a caldo.  

“Attraverso l’indubbia capacità di VGV di gestire la complessità derivante dalla gestione di decine di migliaia di differenti prodotti (ben oltre i 30.000 particolari a disegno) - dichiara Vescovini - e grazie al potenziamento del management, della struttura tecnica e commerciale di VGV potremo aumentare la sua presenza sul mercato europeo e americano e sfruttare le importanti sinergie con l’attuale rete commerciale di SBE Varvit, un’azienda che dà lavoro a 620 persone, tra Italia (nelle sedi di Monfalcone, Tolmezzo, Milano, Torino e Reggio Emilia), Serbia e Stati Uniti e che chiuderà il 2018 con un fatturato consolidato di 200 milioni di euro e un EBITDA del 25% (il doppio della media del settore)”.

VGV, con i suoi 150 dipendenti, è una società recente, fondata sull’ascolto del cliente nel 2010 come start up, dotandola di quella marcata componente tecnica e di problem solving che il mercato richiedeva. In pochi anni si è affermata tra i principali distributori specializzati del mercato italiano, fornitore di tutte le aziende del Gruppo Fiat (FCA, Iveco, Cnh), di Ducati e di Argo tractors, Dana e Streparava e di molti altri OEM della penisola.

Protagonista di una crescita esponenziale, e dopo aver realizzato un’acquisizione nel 2015 (Minimec di Reggio Emilia), raggiungerà nel 2018 un fatturato di 55 milioni di euro con un Ebitda di 5 milioni.

“L’unione di competenze è l’unica strada per vincere le sfide globali - sottolinea Fabrizio Vicari, Ceo di VGV - e per consolidare l’ottimo risultato e sostenere l’ambizione concreta di crescere abbiamo scelto SBE Varvit come partner ideale e tracciato una strada che perseguiremo con l'entusiasmo e l'abnegazione che abbiamo profuso in questi anni di attività”.

Commenti (0)
Comment