Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Dal 5 al 7 settembre

Turismo
25 maggio 2018

A Bibione il G20 delle spiagge italiane

di redazione (fonte Comune di San Michele al Tagliamento)
Summit per le nuove strategie del turismo balneare. Coinvolte anche Grado e Lignano
CONDIVIDI
25493
La spiaggia di Bibione
Turismo
25 maggio 2018 di redazione (fonte Comune di San Michele al Tagliamento)

Tracciare le linee guida in tema di futura sostenibilità, nuovi programmi d’innovazione e progettazione strategica delle spiagge italiane, che da sole ogni estate attirano oltre 60 milioni di presenze, tra italiani e turisti stranieri. Risponde a questa esigenza l’alleanza che il Comune di San Michele al Tagliamento-Bibione, in collaborazione con Bibione Live – Consorzio di Promozione Turistica, propone alle stazioni turistiche balneari italiane, organizzando dal 5 al 7 settembre prossimi il “G20 delle Spiagge italiane (G20s)”.

Si tratta del primo summit di questo genere lanciato in Italia con la volontà di farlo divenire un appuntamento annuale e itinerante lungo tutta la penisola, per valutare congiuntamente tra amministratori pubblici, tecnici del turismo, studiosi e decision maker le prospettive di sviluppo delle spiagge tricolori.

Al G20s arriveranno le località balneari di sette regioni che rappresentano una significativa parte dell’offerta del turismo estivo: accanto alla spiaggia veneta di Bibione, con i suoi 5,3 milioni di presenze all'anno, le corregionali Cavallino Treporti, Jesolo, Caorle e Chioggia; le friulane Lignano Sabbiadoro e Grado, la riviera romagnola con Rimini, Riccione, Cesenatico, Bellaria-Igea Marina, Comacchio, Cervia e Cattolica; la Campania con Sorrento, Forio e Ischia,  Vieste per la Puglia, Castiglione della Pescaia per la Toscana e la Costa Smeralda con il comune di Arzachena.

Tra eventi aperti anche a località e operatori diversi dai venti comuni partecipanti – saranno due le sessioni plenarie – e confronti “a porte chiuse”, istituzioni e imprenditori discuteranno su focus dedicati al management delle destinazioni balneari, a finanziamenti e risorse, agli aspetti ambientali e per lo sviluppo sostenibile, a infrastrutture e urbanistica, ai servizi.

L’obiettivo è rendere chiare sfide e opportunità che si trovano ad affrontare, oggi, le destinazioni balneari. Nel contempo, il G20 permetterà di acquisire le conoscenze su come le amministrazioni municipali stanno lavorando a questi temi, condividendo le best practice.

I risultati del G20s verranno tradotti in un documento d'indirizzo in grado di incidere sui piani di sviluppo strategici, a livello comunale, regionale e anche nazionale: infatti, il summit delle spiagge italiane vuole creare un vero coordinamento tra le destinazioni balneari italiane, andando ad applicare da un lato le metodologie e i modelli forniti dal Piano strategico di sviluppo del Turismo (Pst) del ministero dei Beni e delle Attività culturali e del Turismo e, dall’altro, fornire “dal basso” dei validi contributi allo stesso Pst 2017-2022 e alle varie programmazioni regionali.

 “Un’occasione preziosa – afferma Federico Caner, assessore al turismo della Regione Veneto – per elaborare strategie comuni tra eccellenze di quel comparto che è componente essenziale dell’economia del Paese, e che in Veneto rappresenta la prima industria regionale con un fatturato di oltre 17 miliardi di euro”.

 “Questo appuntamento – aggiunge Pasqualino Codognotto, sindaco di San Michele al Tagliamento-Bibione – dà ai sindaci un’opportunità unica di analizzare insieme le problematiche dello sviluppo turistico dei territori per i quali abbiamo responsabilità di governo. Ed è proprio partendo da qui che si dovranno individuare soluzioni concrete a livello nazionale e internazionale”.

 “Bibione – conclude Giuliana Basso, Presidente Bibione Live – è orgogliosa di poter ospitare un evento che si pone questi importanti obiettivi per il futuro del turismo. Un’occasione di studio, ma anche di promozione del nostro territorio ricco di peculiarità e sempre pronto a stimolare azioni che portino valore all’economia turistica”.

Commenti (0)
Comment