Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Un caso tutto "made in Friuli"

Attualità
22 maggio 2018

Cervello informatico all'esterno e l'azienda vola

di redazione (fonte Nordest Servizi)
Grazie al progetto per la gestione esterna dei servizi informatici della Nordest Servizi di Udine, FriulanaGas ha ottenuto importanti risultati in termini di efficienza e risparmi
CONDIVIDI
25444
Da sinistra, Dario Baruzzo e Nicola Bosello
Attualità
22 maggio 2018 di redazione (fonte Nordest Servizi)

Portare il “cervello” informatico fuori dall’azienda dà frutti in termini di maggiore efficienza, risparmi e possibilità di sviluppo. È tutta “Made in Friuli” l’operazione che ha portato all’esternalizzazione dei servizi informatici di FriulanaGas spa. Da una parte l’azienda di Campoformido leader nella fornitura di gas Gpl e dall’altra Nordest Servizi srl, società di Udine specializzata nell’Information Technology per il Friuli Venezia Giulia e il Veneto: insieme hanno realizzato un progetto per rendere più funzionale l’infrastruttura informatica.

«La complessità di gestire le informazioni tra la sede centrale di Campoformido e i depositi di Campodoro (PD) e Taglio di Po (RO) e l’esigenza di dare risposte immediate ai nostri clienti ci hanno imposto di fare una scelta radicale: affidare i nostri sistemi informatici a una struttura esterna», premette l’amministratore di FriulanaGas, Dario Baruzzo.

Azienda in crescita che opera nel settore della fornitura GPL uso combustione per industrie e civili abitazioni e GPL uso autotrazione, che vanta depositi tra i più grandi su scala nazionale, FriulanaGas si è trovata a fare i conti con una situazione problematica. «Una situazione di continuo inseguimento delle emergenze con blocchi dei server che, per quanto temporanei, fermavano il flusso di lavoro e la tempestiva risposta ai clienti», prosegue Baruzzo. I blackout all’arrivo in ufficio, con server spenti o sistemi operativi in stallo, costringevano l’azienda a un’operatività a singhiozzo: «Un problema non insormontabile - osserva Baruzzo -, ma una situazione che minava il nostro modo di operare basato sulla qualità e la tempestiva assistenza offerta alla propria clientela».

Partendo dalla necessità di avere tempi di risposta rapidi, stretto coordinamento con le altre sedi e condivisione delle informazioni, Nordest Servizi ha sviluppato un progetto per alleviare FriulanaGas dalla gestione delle infrastrutture informatiche, così da permettergli di restare concentrata sulle strategie prettamente aziendali.

«Le esigenze poste dal cammino di crescita di FriulanaGas hanno portato a una progettazione articolata che, per certi aspetti, è stata abbastanza radicale», osserva Nicola Bosello, amministratore di Nordest Servizi. «Esternalizzare tutto quello che riguarda i sistemi informatici e la loro gestione non è una scelta immediata per un’azienda; ma è una scelta che ha dei vantaggi e porta necessariamente a ripensare la figura dell’IT manager. Una gestione dei servizi informatici richiede infatti formazione continua, aggiornamento e presenza. Tutti aspetti che possono essere portati all’esterno dell’azienda affidando la gestione a una realtà esterna in grado di assicurare assistenza 24 ore su 24 e allineamento sulle ultime novità. In questo modo la risorsa interna non viene cancellata, ma può essere focalizzata maggiormente su quelli che sono gli aspetti di business dell’azienda stessa». È un cambio di mentalità. O meglio, «è dare maggior valore alla componente manageriale della figura tecnica. Con la nostra scuola di formazione academIT (www.academit.it) puntiamo a fare questo passaggio: sollevare l’IT manager dalle incombenze più tecniche affinché possa avere un approccio più focalizzato al business».

E FriulanaGas ha voluto andare fino in fondo in questo cambio di mentalità. «La scelta è stata importante ma ci ha permesso non solamente di elevare la qualità del servizio, ma soprattutto di liberare risorse da destinare a quelli che sono gli ambiti specifici della nostra attività. Non certo ultimi, i risparmi in termini di consumi energetici - conclude Baruzzo -. Tutti aspetti che sono difficili da contabilizzare ma che ci hanno permesso di investire ancora di più sui clienti».

Commenti (0)
Comment