Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Guarda le foto

Attualità
23 aprile 2018

Carabinieri e folklore, Aiello conquista Verona

di Livio Nonis
Al raduno nazionale il gruppo ANC della località friulana è stato l'unico a sfilare accompagnato da signore in costume tradizionale
CONDIVIDI
24981
(ph. Livio Nonis)
Attualità
23 aprile 2018 di Livio Nonis Image

Un folto gruppo di carabinieri della sezione di Aiello del Friuli, insieme a simpatizzanti e signore in costume tradizionale friulano, hanno partecipato al 24° raduno dei Carabinieri tenutosi a Verona. Un gruppo numeroso per un piccolo paese come quello della bassa friulana che però è risultato "una goccia nel mare" visto i 100.000 partecipanti a questa adunata che si svolge ogni due anni.

Orgoglioso il presidente della sezione Vittorio Giglio che ha sottolineato che da quando ha fondato la sezione dei Carabinieri in congedo di Aiello nel 1995 non sono mai mancati a nessuno raduno, girando un po' tutta l'Italia.

Un lungo corteo di persone ha invaso il centro storico della città scaligera; il Friuli Venezia Giulia era nelle ultime posizioni della sfilata, consentendo di fare conoscenza con molti commilitoni di altre regioni e di scambiarsi esperienze e piccoli aneddoti. Il gruppo di Aiello è stato l'unico ad avere come cornice signore nel classico costume friulano.

Il corteo, fiancheggiato dalle persone assiepate lungo il tragitto, è sfilato poi davanti al palco delle autorità dove era presente il generale di corpo d'armata Giovanni Nistri e il presidente nazionale dell'Associazione Carabinieri Libero Lo Sardo. Il presidente di sezione Vittorio Giglio ha fatto loro il tradizionale saluto militare mentre dietro sono passati tutti gli ex carabinieri in formazione.

La sezione carabinieri in congedo di Aiello conta una novantina di iscritti tra cui 60 ex carabinieri, 18 simpatizzanti e il resto familiari. Nel 2008 è stata posta a Crauglio una lapide intitolata al Capitano Vittorio Bellipanni, morto eroicamente nella Prima guerra mondiale, ed è stato ricordato l'ospedale da campo, sito sempre a Crauglio, dove durante la Grande Guerra sono stati ricoverati molti militari e carabinieri e dove  hanno perso la vita in 125 di loro. 

Nel 2013 l'associazione Carabinieri di Como ha consegnato alla sezione di Aiello le medaglie al valore originali del Capitano Bellipanni. Nel 2016 è stato invece intitolato uno slargo a Joannis al Generale Carlo Alberto Dalla Chiesa.

Ogni anno, infine, vengono organizzate gite: ora è in programma una a Budapest e al lago Balaton, dal 7 al 10 giugno (info: 347 56347587).

Commenti (0)
Comment