Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Doppio appuntamento ad aprile

Sport
06 aprile 2018

Ironmum triestina ambasciatrice alle maratone di Milano e Vienna

di redazione (fonte Ufficio stampa Giulia Basso)
Dopo le sfide personali, nuovi obiettivi per Elena Padovese: "Tutti possono correre una mezza maratona e il percorso intrapreso per raggiungere questo traguardo cambia la vita”
CONDIVIDI
24745
Elena Padovese alla Maratona di New York nel 2017
Sport
06 aprile 2018 di redazione (fonte Ufficio stampa Giulia Basso)

L’Ironmum Elena Padovese, che la scorsa estate aveva conquistato la ribalta nazionale grazie alla sua partecipazione all’Ironman di Cervia a soli dodici mesi dalla nascita del figlio Edoardo, ritorna in pista dopo una breve pausa invernale e si appresta a correre la sua decima maratona, la quinta da mamma.

L’occasione è offerta dalla Milano Marathon, in programma nella città meneghina domenica 8 aprile, che nel suo carnet di gara segue la Venice Marathon, la Firenze Marathon e la New York City Marathon, che l’aveva portata dall’altra parte dell’Oceano per guidare 60 runners nell’impresa. Ma per la maratoneta e life coach veneta di nascita e triestina d’adozione, una delle due donne italiane ad aver ottenuto la certificazione di Ironman Coach, questa gara segna l’inizio di un nuovo capitolo del suo percorso.

"Se il 2017 è stato l'anno dei risultati personali, il 2018 sarà l'anno dei risultati per gli altri: se correttamente guidati e motivati tutti possono correre una mezza maratona” dichiara Padovese, rifacendosi alla filosofia su cui si basa il suo libro Trasforma la tua vita attraverso il movimento, uscito un anno fa per la casa editrice Mind nella collana "Le vie del successo” e subito entrato nella classifica dei Bestseller Amazon.

"Sono una sportiva e il movimento fa parte del mio stile di vita, per cui continuerò sempre a partecipare a qualche competizione, strategia che mi aiuta anche a mantenere il focus sull’allenamento - spiega la life coach -. Si può competere per diverse ragioni: per dimostrare qualcosa a se stessi, sfidare qualcuno oppure per ispirare altre persone a mettersi in gioco. Dopo essermi presa diverse soddisfazioni personali nel 2017, quest'anno mi dedico alle persone che desiderano trasformare la propria vita attraverso il movimento e lo sport, guidandole passo per passo nel raggiungimento del proprio traguardo e, in alcuni casi, raggiungendolo insieme a loro”. Elena sarà infatti alla start line della EA7 Milano Marathon l'8 aprile prossimo in veste di ambasciatrice di uno stile di vita di cui la corsa rappresenta uno dei pilastri.

"Questa - evidenzia Padovese - sarà la mia decima maratona, la quinta dopo essere diventata mamma del piccolo Edoardo, che ora ha un anno e mezzo, e la correrò con un gruppo di persone, alcune delle quali saranno al loro esordio nella distanza regina. Sono sempre più convinta della valenza metaforica racchiusa nel tagliare fisicamente un traguardo, sia che si tratti di una mezza maratona, sia nel caso di una maratona o un triathlon”.

Il 22 aprile l’Ironmum parteciperà anche alla mezza maratona di Vienna, dove correrà fianco a fianco con Anna, che Elena prepara fisicamente e mentalmente per questo appuntamento già da un anno. “Devo tantissimo ad Elena - dichiara Anna -. Averla avuta al mio fianco quest’anno è stato fondamentale, sia come coach sportivo che mentale. A parte la perdita di peso (quasi 30 kg), ho cambiato completamente il mio stile di vita e il suo supporto è stato indispensabile. Mi ha portato da zero a correre una mezza maratona: uno degli anni più belli della mia vita. Le ho detto spesso che «mi ha salvato la vita». Sarebbe troppo lungo da spiegare ma è quello che sento veramente. Il vero combattente non smette mai di combattere: a qualsiasi età si può e si deve trovare la forza di raggiungere i propri obiettivi”.

Commenti (0)
Comment