Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Al concorso “Che sia… poesia”

Attualità
05 aprile 2018

Studenti friulani trionfano in Russia

di redazione (fonte CNPD)
Gli alunni della 4D del liceo linguistico di San Pietro al Natisone conquistano a Mosca il primo posto con la loro interpretazione in lingua originale
CONDIVIDI
24735
(ph. CNPD)
Attualità
05 aprile 2018 di redazione (fonte CNPD)

La commissione istituita presso il Consolato Generale d'Italia a Mosca ha comunicato che il Liceo Linguistico di San Pietro al Natisone, annesso al Convitto Nazionale Paolo Diacono, si è aggiudicato il primo posto al concorso “Che sia… poesia”.

Avviato tre anni fa dall'Ufficio d'Istruzione presso il Consolato Generale d’Italia a Mosca – nell’ambito del programma per la diffusione della lingua italiana in Russia – in collaborazione con la scuola italiana di Mosca “I. Calvino” e la scuola 1950 Griboedov, il concorso scommette sulla poesia e lo fa coinvolgendo i ragazzi scuole secondarie di secondo grado di tutta Italia. La manifestazione prevede la produzione di opere in lingua russa. I periodi letterari scelti dalla commissione spaziano dall’Ottocento al secolo scorso e i poeti vengono sorteggiati sia tra quelli celebri che tra i minori. Le classi aderenti devono produrre un video di massimo cinque minuti nel quale il testo poetico va non solo interpretato, ma anche contestualizzato nel suo periodo storico-letterario. Quest'anno hanno partecipato una ventina di scuole dal nord al sud Italia, ma solo tre sono giunte in finale.

Il concorso è un’occasione per approfondire e ampliare lo studio della letteratura, per affinare abilità linguistiche, per mettere in gioco abilità e competenze trasversali degli allievi, e anche per stare insieme divertendosi.

Il Convitto Nazionale Paolo Diacono ha partecipato con la classe 4 D del Liceo Linguistico di San Pietro al Natisone: 24 studentesse e studenti si sono immersi nell’atmosfera dei primi anni sessanta, in quella stagione di apertura culturale che ha visto tra i protagonisti Bella Achmadulina. Della poetessa hanno interpretato la poesia “Svecha” (La candela) immedesimandosi nelle parti con un autentico gioco di ruolo e una recitazione in lingua russa.

"Sono orgogliosa dell'esito del concorso – dichiara il rettore del CNPD Patrizia Pavatti – e sottolineo il fatto che il Liceo Linguistico di San Pietro al Natisone si distingue per i rapporti internazionali che favoriscono scambi con scuole di diversi Paesi del mondo. In particolare, con la Russia ci sono molteplici rapporti di collaborazione e ogni anno gli studenti tra la quarta e la quinta frequentano per quindici giorni il corso di russo presso il prestigioso Istituto Pushkin di Mosca".

Commenti (0)
Comment