Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Nuovo investimento a Casarsa

Attualità
30 marzo 2018

Spumanti La Delizia, sette autoclavi per aumentare la produzione

di redazione (fonte Viticoltori Friulani La Delizia)
Realizzate in acciaio inox consentiranno la lavorazione di ulteriori tremila ettolitri
CONDIVIDI
24694
Attualità
30 marzo 2018 di redazione (fonte Viticoltori Friulani La Delizia)

Nuovi investimenti per i Viticoltori Friulani La Delizia di Casarsa: stanno infatti per essere messe in produzione 7 autoclavi in acciaio inox per la spumantizzazione.

“Un investimento - ha spiegato il direttore commerciale della cantina cooperativa casarsese Mirko Bellini - che si compirà entro la metà del 2018 e che ci porterà a poter lavorare 3 mila ettolitri di spumante in aggiunta alla capacità produttiva di cui già disponiamo. Un’innovazione, questa, che ci permetterà di portare sul mercato nazionale ed estero altre 3 milioni di bottiglie l’anno di un prodotto che sta riscuotendo sempre più consensi per la sua qualità e per la sua immagine grazie anche ad una forza vendite capillare e motivata".

I numeri per La Delizia sono positivi: prosegue infatti il successo della linea di spumanti Naonis, nata a fine 2014 e sempre più apprezzata tanto che sul mercato Ho.re.ca. italiano nel 2017 ha registrato 1 milione 500 mila bottiglie vendute, principalmente di Prosecco.

“La domanda continua a crescere - ha aggiunto Bellini - e Naonis si sta confermando sempre più come uno dei marchi di riferimento per le bollicine in Italia, scelto sempre più dai grandi nomi della ristorazione come dei wine club e dei locali di tendenza nelle città e località turistiche più importanti. Non solo: è apprezzato anche all’estero, come a St. Moritz dove le nostre bollicine sono gustate dal jet set internazionale. Il tutto nel quadro della cantina che, a livello di spumanti, è stabilmente tra le prime nove realtà produttive d’Italia”.

Commenti (0)
Comment