Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Visite nel distretto della sedia

Attualità
28 febbraio 2018

Legno arredo, 12 operatori stranieri in Friuli

di redazione (fonte Ufficio stampa CCIAA UD)
Una trentina di aziende friulane hanno incontrato rappresentanti di realtà da Azerbaijan, Russia, Libano, Iran e Spagna
CONDIVIDI
24263
(ph. CCIAA UD)
Attualità
28 febbraio 2018 di redazione (fonte Ufficio stampa CCIAA UD)

Sono state una trentina le aziende friulane del settore legno di Confapi FVG impegnate in una serie di incontri d’affari con 12 buyer, provenienti da Azerbaijan, Russia, Libano, Iran e Spagna. La prima giornata è stata organizzata con la collaborazione della Camera di Commercio di Udine, sede in cui, tra Sala Economia e Sala Valduga, si sono tenuti i B2b e l’incontro introduttivo, in collaborazione con Ice rappresentata da Annalisa Bellomo di Unital Categoria legno Confapi nazionale rappresentata dal presidente Riccardo Montesi, a cui è intervenuto anche, in rappresentanza di Confapi Fvg e della Cciaa stessa, Tommaso Passoni, presidente del Gruppo Legno di Confapi Fvg.

Nella seconda giornata dell’incoming, mercoledì 28, la delegazione ha visitato le aziende friulane Armet e Piaval con sede nel distretto della sedia.

Il comparto legno-mobili in FVG conta 2.550 imprese, con circa 19 mila addetti, secondo le elaborazioni del Centro Studi della Camera di Commercio di Udine. Le localizzazioni attive rappresentano oltre il 20% dell’industria manifatturiera e circa l’11%d dell’export totale del Fvg.  Negli ultimi 8 anni si sono modificate alcune delle caratteristiche delle imprese del comparto: è cresciuto il “peso” delle società di capitale che – dati a fine 2017 – rappresentano il 36,7% del tessuto produttivo del cluster regionale (nel 2009 erano il 32,8%). Restano comunque ancora prevalenti le pmi: le imprese del cluster regionale sono per l’80% con meno di 10 addetti e  un altro 12% rientra nella classe “da 10 a 19 addetti”.

Commenti (0)
Comment