Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Consegna in municipio

Attualità
15 gennaio 2018

Palmanova, la Pigotta Unicef a 30 nuovi nati

di redazione (fonte Ufficio stampa Comune Palmanova)
Per ciascuno di loro il Comune verserà 20 euro corrispondente al valore di un kit salvavita
CONDIVIDI
23151
(ph. Comune di Palmanova)
Attualità
15 gennaio 2018 di redazione (fonte Ufficio stampa Comune Palmanova)

Torna anche quest’anno il tradizionale evento di consegna delle Pigotte dell’UNICEF. Il Comune di Palmanova ogni anno regala ai nuovi nati del proprio territorio una bambola che rientra nel progetto internazionale “Un bambino nato, un bambino salvato”.

Nell’anno 2017, i bambini nati da residenti nel comune di Palmanova sono stati 30, di cui 16 femmine e 14 maschi.

“L’Amministrazione comunale ha il compito di dare un segnale ed educare alla solidarietà. Un concetto a volte lontano perché lontani sono quei bambini che ne hanno bisogno. Dobbiamo allargare la visuale, oltre il nostro quotidiano. Aiutare i genitori ad insegnare ai propri figli i valori che l’UNICEF ogni giorno porta in tutto il mondo” ha commentato il sindaco Francesco Martines, durante la cerimonia di consegna delle Pigotte.

“Questa consegna – ha aggiunto la vicesindaco Adriana Danielis – è anche un segnale di attenzione nei confronti di tutti i bambini, vicino e lontani. La scelta della Pigotta, come giocattolo della tradizione, riconosce nel gioco l’importante momento di crescita di tutti i bambini diventando in questo modo simbolo di solidarietà e di aiuto verso chi è meno fortunato di noi”.

Per ogni bambino nato, il Comune si impegna infatti a versare 20 euro al Comitato Provinciale di Udine dell’UNICEF, corrispondente al valore di un kit salvavita. Questo permetterà di fornire vaccini, dosi di vitamina A, un kit ostetrico per un parto sicuro, antibiotici e una zanzariera anti-malaria a un bambino nato in uno dei Paesi poveri del mondo.

“Questo è un progetto che portiamo avanti da 19 anni, cercando di regalare un’ulteriore gioia a quella che già le famiglie hanno per la nascita di un bambino. Sapere che quello stesso bambino sta salvando un’altra vita in qualche parte del mondo, ci riempie tutti di grande soddisfazione. Buona vita a chi è arrivato su questo mondo e con questo riesce anche a salvare la vita di altre persone” ha concluso Alberto Zeppieri, presidente del Comitato UNICEF di Udine.

Commenti (0)
Comment