Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Donazione della CRTrieste

Attualità
21 aprile 2017

Patologie del fegato, nuovi strumenti per la ricerca

di Sarah Salzano (Ufficio stampa CRTrieste)
Consegnate a Trieste tre strumentazioni indispensabili per l'attività di studio e prevenzione. Eccole nei dettagli
CONDIVIDI
19049
(ph. Studio Sandrinelli)
Attualità
21 aprile 2017 di Sarah Salzano (Ufficio stampa CRTrieste)

Si è tenuta presso la sede della Fondazione Italiana Fegato Onlus (F.I.F.) dell'Area Science Park la cerimonia di consegna di tre nuovi strumenti di laboratorio acquistati grazie al contributo della Fondazione CRTrieste.

La Fondazione Italiana Fegato Onlus, nata nel 2008, costituisce la prosecuzione del progetto, avviato nel 2001 e integralmente finanziato dalla Fondazione CRTrieste, del Centro Studi Fegato. Oggi la F.I.F. è un centro di riferimento nazionale e internazionale per lo studio delle patologie del fegato e delle vie biliari, al cui interno operano ricercatori e dottorandi che svolgono attività per conto dell'Università degli Studi di Trieste, nonché da ricercatori che operano su campioni biologici di pazienti afferenti alla Clinica Patologie del Fegato dell'Azienda Sanitaria Universitaria Integrata di Trieste.

I tre strumenti, indispensabili per la quotidiana attività di ricerca, sono: un sistema per acqua ultrapura (Sistema Milli Q Integral 5 completo) della Millipore. Il sistema dopo aver distillato l’acqua di rete la trasforma in acqua ultra-pura necessaria per gli esperimenti di ricerca condotti in laboratorio; uno strumento “Real-Time PCR System” della Biorad  che consente la quantificazione dell’espressione genica attraverso l’utilizzo di diversi fluorofori che si intercalano agli acidi nucleici, rendendo visibile in tempo reale la loro amplificazione; una lavavetreria della Smeg specifica per il lavaggio della vetreria utilizzata in laboratorio con particolari carrelli.

Le nuove strumentazioni vanno a sostituire altrettante macchine ormai obsolete in modo da poter migliorare la qualità del parco macchine e conseguentemente l’offerta ai giovani ricercatori e dottorandi di ricerca italiani e stranieri impegnati ogni giorno all'interno dei laboratori della Fondazione Italiana Fegato. 

Alla cerimonia sono intervenuti il direttore della Fondazione Italiana Fegato Claudio Tiribelli e il  vicepresidente del Consiglio di Amministrazione Lucio Delcaro.

Commenti (0)
Comment