Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Sei spettacoli tra la Carnia e il Friuli

Cultura e Spettacolo
18 aprile 2017

La Grande Guerra secondo la tv dell'audience

di redazione (fonte Ufficio stampa ConnectEventi)
Parte il 25 aprile il reportage virtuale storico-musicale ideato per parlare in modo nuovo, anche sorridendo, della propria storia e delle ferite ancora aperte
CONDIVIDI
18989
L'amica di Maria (Mauro Zavagno)
Cultura e Spettacolo
18 aprile 2017 di redazione (fonte Ufficio stampa ConnectEventi)

Una rassegna nuova, e non soltanto perché si affaccia per la prima volta in Carnia: nuova anche per il suo modo di raccontare la Grande Guerra.
Si tratta di Pace alla guerra. Reportage virtuale storico-musicale in sei episodi. Note di vita bellica in Carnia 1916-1917, in scena con sei spettacoli a partire da martedì 25 aprile fino a sabato 1 luglio in diversi paesi e città tra Carnia e Friuli. 

Sei performance tra storia, teatro e musica, vanno in scena il 25 aprile a Cercivento, il primo maggio a Timau di Paluzza, il 21 maggio a Tolmezzo, il 2 giugno a Somplago (Cavazzo Carnico), il 29 giugno a Udine e il primo luglio a Forni Avoltri e inventano delle bizzarre interviste impossibili in forma teatrale con accompagnamento musicale dal vivo. Protagonisti principali sono il giornalista Guerrino Pacifici (interpretato da Adriano Giraldi) e il tele-cine-operatore Miro Vojnovich (Maurizio Zacchigna), che su richiesta del fantomatico capo redattore di un misterioso network devono "fare audience" raccontando della Grande Guerra. Con loro anche le attrici Maria Grazia Plos e Roberta Colacino e il gruppo strumentale Lumen Harmonicum, che rivisita il repertorio italiano e austro ungarico del periodo bellico. La cura del progetto (l'idea, i contenuti testuali e musicali, la supervisione) è di Massimo Favento; la regia teatrale è dell'Associazione Mamarogi e le illustrazioni - prodotte ad hoc sui personaggi delle storie - sono di Mauro Zavagno.

Pace alla Guerra è un progetto di Lumen Harmonicum e si svolge con il contributo della Regione Friuli Venezia Giulia. Grazie alla collaborazione della Fondazione "Luigi Bon", Pace alla Guerra si propone comeanteprima della ormai storica rassegna Carniarmonie. A collaborare al progetto, inoltre, sono anche,  Mamarogi, la Società Triestina di Cultura“Maria Theresia", ArteFumetto MusicaTutti e il Comune di Udine - Udinestate 2017, l'Associazione Nazionale Alpini - Sezione di Udine e il Centro Studi Musica e Grande Guerra (Reggio Emilia). 

Parlare della Grande Guerra - spiega l'operatore culturale Celestino Vezzi - ha senso se "si esce dalla retorica, si guarda oltre i forzati paraocchi, si dà spazio e voce non solo ai testi ufficiali, ma anche ai diari della gente comune, si evita di citare ad ogni piè sospinto la parola Patria quale panacea giustificatrice di ogni scelta. Ed è un po’ ciò che propone questo reportage virtuale che tra il serio ed il faceto, con la giusta dose di ironia e quel pizzico controllato di irriverenza facendo riferimento a specifici episodi o personaggi della Grande Guerra ne affronta alcuni aspetti.

In questo contesto alcuni termini assumono significati precisi ed i riferimenti non sono casuali: disobbedienza, sacrificio, diserzione, follia, ideologia, memoria". Proprio queste, infatti, le chiavi di lettura per i singoli episodi.

La rassegna inizia martedì 25 aprile, alle 16 alla Cjase da Int di Cercivento, con il primo spettacolo intitolato Rapsodia di una pallottola. Backstage per giornalisti & plotone musicale su “I Fusilâz di Çurçuvint” che si raccoglie sotto il "cappello" della disobbedienza. Sul palcoscenico sono gli attori Adriano Giraldi in Guerrino Pacifici e Maurizio Zacchigna in Miro Vojnovich e nel Colonnello; con loro il Gruppo Strumentale Lumen Harmonicum (Chiara Minca - voce, Mauro Verona - corno, Marco Favento - violino, Massimo Favento - violoncello, Denis Zupin - percussioni)
Attraverso i dialoghi degli attori e le "spiegazioni" musicali scorre un particolare racconto dell'episodio - ormai noto - dei I Fusilâz di Çurçuvint, il tragico caso di Silvio Gaetano Ortis e di altri tre Alpini fucilati dai Carabinieri per essersi rifiutati di sostenere un attacco decisamente suicida contro una postazione austriaca sulle montagne che loro conoscevano tanto bene, pur avendo proposto una valida alternativa. Un caso estremo di disobbedienza (e purtroppo di giustizia sommaria) ancora molto dibattuto nel quale la logica irrazionale della disciplina militare prese il sopravvento su buonsenso e umanità. Lo spettacolo rovescia la prospettiva dando la parola non alle vittime, ma al plotone d'esecuzione. I bizzarri operatori televisivi partono dalla lettera di un'emigrata in Argentina che racconta di un tizio che, a quanto pare, era solito, durante il Ventennio, trascorrere l’estate nei luoghi della tragedia, cercando una sua via di pentimento e di espiazione ...

Il secondo appuntamento è atteso per lunedì 1 maggio alle ore 16 a Timau di Paluzza nella Sala Parrocchiale San Pio X, quando si racconta di sacrificio. L’amica di Maria - Dialogo rigenerante storico-musicale sul mito di Maria Plozner & delle Portatrici Carniche (questo il titolo dello spettacolo) affronta ancora un caso più e più volte discusso, quello delle cosiddette Portatrici Carniche, di cui Maria Plozner, uccisa da un cecchino, è l'emblema. Un gruppo di donne che tra il 1915 ed il 1917 con abnegazione e disciplina giornalmente s’inerpicavano dal fondovalle con le loro gerle, facendosi carico di quei rifornimenti necessari agli uomini che stavano tenendo tenacemente saldo il fronte bellico sul crinale delle Alpi.

Adriano Giraldi è ancora Guerrino Pacifici, Maurizio Zacchigna è Miro Vojnovich e Roberta Colacino è Rosalia Schiratti Barachino. È sempre il Gruppo Strumentale Lumen Harmonicum a tenere viva la parte musicale (Mauro Verona - corno, Marco Favento - violino, Massimo Favento - violoncello, Denis Zupin - percussioni).

Proprio Rosalia Schiratti Barachino, una maestra elementare del primo dopoguerra, è oggetto della nuova intervista impossibile: colei che forse per prima ha creato il mito di Maria Plozner Mentil. E i nostri "strani" giornalisti provano a parlarne con lei, spostando però la figura di Rosalia al di fuori della retorica del Ventennio e ponendola, piuttosto, a "braccetto" con le altre donne, più vicina alla realtà cruda che trasmette più fedelmente il sacrificio delle Portatrici. Lo spettacolo evidenzia diverse possibili interpretazioni, dettate dalle diverse condizioni storico sociali, della storia di Maria, e abbraccia un'ampia visione del sacrificio e della condizione femminile in generale.

Gli spettacoli continuano il 21 maggio, il 2 giugno, il 29 giugno e il primo luglio con altri quattro episodi-reportage nei quali si "rivedono" alcune pagine divenute aneddoti e leggende con gli occhi esterni delle persone comuni, dei non protagonisti.

Commenti (0)
Comment