Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Sottoscritto il "Contratto di Fiume"

Attualità
07 febbraio 2017

Regione e Comuni uniti per valorizzare il Natisone

di redazione (fonte Ufficio stampa Comune di Cividale)
Siglato a Cividale il primo protocollo d'intenti del FVG che si rifà al Tavolo nazionale. Obiettivo: tutelare il corso d'acqua e l'ambiente circostante
CONDIVIDI
17865
Il fiume Natisone a Cividale (ph. G. Burello)
Attualità
07 febbraio 2017 di redazione (fonte Ufficio stampa Comune di Cividale)

Firmata la dichiarazione d’intenti del progetto “Il contratto di fiume del Natisone”. A siglarla sono stati la presidente della Regione, Debora Serracchiani, la presidente dell'associazione Parco del Natisone, Claudia Chiabai, i sindaci di nove Comuni interessati dal progetto, i rappresentanti dell'Acquedotto Poiana e dell'Autorità di Bacino. La firma è avvenuta alla presenza dell'assessore regionale all'Ambiente, Sara Vito, del sindaco di Cividale del Friuli Stefano Balloch, Ente ospitante, e del sindaco di Manzano Mauro Iacumin, come Comune capofila del progetto.

Fra gli interventi, il professor Massimo Bastiani dell'Università La Sapienza di Roma, coordinatore del Tavolo nazionale dei "Contratti di Fiume".

Il “Contratto di Fiume” è un protocollo giuridico per la rigenerazione ambientale del bacino idrografico di un corso d'acqua, volto al raggiungimento di obiettivi di valorizzazione e tutela delle acque, previsti dalla Direttiva Quadro in materia di acque 2000/60/CE. I Contratti di Fiume possono essere identificati come processi di programmazione negoziata e partecipata volti al contenimento del degrado eco-paesaggistico e alla riqualificazione dei territori dei bacini/sottobacini idrografici.

Il Contratto di Fiume del Natisone definisce un percorso operativo condiviso relativo al bacino idrografico del fiume Natisone e finalizzato al raggiungimento degli obiettivi di buona qualità richiamati dalla direttiva comunitaria citata. Il protocollo di intesa ha previsto il coinvolgimento dei seguenti enti sottoscrittori: i Comuni di Taipana, Pulfero, San Pietro al Natisone, Cividale del Friuli, Premariacco, Manzano, San Giovanni al Natisone, Trivignano Udinese, Chiopris-Viscone, della Regione Friuli Venezia Giulia, del Comune di Caporetto e dell’Associazione “Parco del Natisone” come soggetto promotore.

Il progetto mira a tutelare il fiume e l’ambiente circostante, a sviluppare l’intera area tramite un lavoro in rete che, oltre a promuovere le bellezze del territorio, punti anche sul settore produttivo ed enogastronomico. Il Contratto di Fiume del Natisone è il primo contratto di questo genere nel Friuli Venezia Giulia.

Commenti (0)
Comment