Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Nell'ambito della stagione TIG

Cultura e Spettacolo
27 gennaio 2017

Spiegare agli studenti UIisse attraverso il teatro

di redazione (fonte Ufficio stampa CSS)
Dal 30 gennaio Manuel Buttus e Giorgio Monte interpreteranno "L'Odissea secondo Tonino Guerra" nelle scuole medie di Udine e provincia
CONDIVIDI
17703
Da sinistra Monte e Buttus (ph. Luca d'Agostino)
Cultura e Spettacolo
27 gennaio 2017 di redazione (fonte Ufficio stampa CSS)

Polifemo, la maga Circe, i mangiatori di loto, il suadente canto delle sirene sono alcune delle avventure che Ulisse affronta nel suo viaggio di ritorno a Itaca. Pensata per gli allievi delle scuole secondarie di primo e secondo grado L’Odissea secondo Tonino Guerra entra nelle aule in matinée lunedì 30 e martedì 31 gennaio per Contatto TIG Teatro per le nuove generazioni del CSS Teatro stabile di innovazione del FVG, la Stagione realizzata con il sostegno di MiBACT, Regione FVG, Comune di Udine e con la rinnovata partecipazione della Fondazione Friuli.

Con un reading a cura del Teatrino del Rifo, L’Odissea secondo Tonino Guerra si presenta come un supporto ai programmi didattici. Gli attori Manuel Buttus e Giorgio Monte portano all’interno delle classi l’epica avventura di Ulisse, nella versione dello scrittore, sceneggiatore e poeta Tonino Guerra. Individuati dai due attori come compendio ideale per i ragazzi, gli otto canti dell’opera, accompagnati dalla proiezione delle tavole ad acquarello dello stesso poeta, verranno così rappresentati nelle aule delle scuole di Udine e provincia fino al 10 febbraio.

Seguendo le orme di Ulisse, il poeta romagnolo ripercorre tutti i Canti di Omero, dall’invenzione del Cavallo di Troia al ritorno in Patria. Con pari maestria e intensità Guerra descrive l’ingenuità dei Troiani nell’accettare il dono dei Greci, ma anche scene più forti come quella dei Ciclopi.

Commenti (0)
Comment