Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Attivato dall'Università

Attualità
11 gennaio 2017

Cure palliative e terapia del dolore, al via master a Trieste

di Sarah Salzano (Ufficio stampa CRTrieste)
Prima iniziativa formativa del suo genere nel Nordest. Previste 1.600 ore: focus su problematiche e bisogni dei pazienti affetti da patologie croniche degenerative
CONDIVIDI
17414
(ph. Studio Sandrinelli)
Attualità
11 gennaio 2017 di Sarah Salzano (Ufficio stampa CRTrieste)

È stato presentato questo pomeriggio, nel corso del convegno inaugurale "Cure Palliative: Percorsi di Cure Per il Futuro", il "Master di I livello in Cure Palliative e Terapia del Dolore" organizzato dal Dipartimento Universitario Clinico di scienze mediche, chirurgiche e della salute dell'Università di Trieste sotto la cura del professor Roberto Di Lenarda e attivato grazie al contributo della Fondazione CRTrieste.

Le problematiche e i bisogni dei pazienti affetti da patologie croniche degenerative sono molteplici e spesso iniziano molto tempo prima della fase di fine vita. Oltre ai tumori, le malattie che richiedono "Cure Palliative" nell’adulto sono le demenze, tra cui quella di Alzheimer, le malattie cardiovascolari, le cirrosi epatiche, le patologie croniche ostruttive polmonari, il diabete, le insufficienze renali croniche, la sclerosi multipla e il Parkinson.

Le "Cure Palliative" rappresentano una particolare forma di assistenza volta a curare anche gli aspetti non prettamente medico-sanitari. Secondo questa tipologia di terapia infatti attenzioni particolari vengono rivolte anche alla sfera umana e spirituale del paziente e dei suoi familiari, al fine di migliorarne la qualità della vita, attraverso un approccio integrato - alle cure sanitarie - e precoce.

L'Organizzazione Mondiale della Sanità ha recentemente stimato che ogni anno circa 40 milioni di persone avrebbero necessità di tale terapia ma viene ricevuta da meno del 10% e secondo le stime del Consiglio d’Europa il fabbisogno di cure palliative aumenterà nei prossimi 10-15 anni, sia in ambito oncologico, sia non oncologico, del 20%. Anche nel caso del Friuli Venezia Giulia le statistiche indicano una necessità di implementazione di questa tipologia di intervento.

In Italia non esiste a oggi una specializzazione in Cure Palliative e l'attivazione del Master di I livello è stata supportata per poter garantire un'alta specializzazione e una formazione completa a studenti e operatori del settore.

Il master, le cui lezioni iniziano il 12 gennaio e che ha raggiunto il numero massimo di adesioni (25 iscritti), amplia l’offerta educativa e formativa dell'Università di Trieste e si configura come "alta formazione" post lauream nel campo delle cure palliative e terapia del dolore. Si articola in otto moduli, per un totale di 1.600 ore, e toccherà le principali materie relative a questa tipologia di studi: aspetti organizzativi e legislativi, la terapia del dolore e degli altri sintomi, le peculiarità del malato oncologico, le malattie croniche degenerative, le cure palliative pediatriche, gli aspetti psicologici e di comunicazione sia con il malato sia all’interno dell’equipe,  aspetti bioetici, sociali e spirituali.

I master in cure palliative (CP) e terapie del dolore (TD) – ha dichiarato Di Lenarda – garantiscono una formazione adeguata e mirata ai bisogni degli assistiti, soprattutto se, come nel nostro caso, il corpo docente è selezionato sulla base della documentata attività in servizi di CP/TD. Ritengo motivo di orgoglio per il Dipartimento di Scienze Mediche di Units il fatto che il Master di I livello in CP per le professioni sanitarie  è in assoluto la prima iniziativa formativa del genere nel Nord Est e che, analogamente, siamo stati precursori sul con l’introduzione, tra i primissimi in Italia, già due anni fa di un corso di cure palliative per gli studenti del Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia".

All'indirizzo di saluto del convegno hanno partecipato il direttore del Dipartimento Cardiovascolare e Professore di Cardiologia dell'Asuits, Gianfranco Sinagra, il vicepresidente del Consiglio di Amministrazione della Fondazione CRTrieste Lucio Delcaro, l'assessore alla Salute della Regione FVG Maria Sandra Telesca, il Magnifico Rettore dell'Università degli Studi di Trieste Maurizio Fermeglia, il direttore del Centro Sociale Oncologico e Referente Cure Palliative ASUITS Rita Ceccherini, il Medico Specialista in Medicina Interna e Palliativista Raffaella Antonione e il direttore sanitario Casa di Cura "Pineta del Carso" Lucio Petronio.

Commenti (0)
Comment