Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Inaugurato il nuovo sentiero a Malborghetto

Turismo
26 settembre 2016

In ascolto degli abeti di Risonanza

a cura della redazione
Taglio del nastro per il percorso che da Valbruna conduce in Val Saisera per vedere i rari alberi ‘che suonano’
CONDIVIDI
15872
(ph. Press Cuberli)
Turismo
26 settembre 2016 della redazione

Il Sentiero degli Alberi di Risonanza (‘The Forest Sound Track’) è una realtà. L’amministrazione comunale di Malborghetto, contando sull’appoggio di Regione e Corpo Forestale dello Stato, è riuscita nell’intento di dar vita a un percorso nato per far conoscere, a residenti e turisti, gli abeti rossi di risonanza. Alberi maestosi, utilizzati per costruire gli strumenti ad arco (ma non solo quelli) suonati dalle migliori orchestre e dai migliori musicisti al mondo. Il percorso si snoda per 5,5 chilometri ai piedi delle Alpi Giulie.

Il sentiero è stato fortemente voluto dal sindaco di Malborghetto, Boris Preschern, che ha coinvolto la sua giunta e soprattutto la Regione nel progetto, prendendo di fatto in mano le sorti turistiche del proprio territorio. E così al taglio del nastro ha convinto il vicepresidente Sergio Bolzonello a salire in Val Saisera. Proprio da qui il percorso si snoda per 5,5 chilometri, in uno scenario strepitoso ai piedi delle Alpi Giulie

«Quando la natura e l'uomo decidono di lavorare assieme, grandi cose accadono», ha affermato, il sindaco di Malborghetto Boris Preschern. «Da oggi – ha aggiunto – il legno di risonanza diventa un'attrattiva stabile della Valcanale e del Friuli Venezia Giulia perché abbiamo dato vita a un trekking romantico per portare la gente nei luoghi di origine della musica».

Il tracciato ha diversi punti di accesso, è segnalato con tabelle, dotato di pannelli illustrativi e arricchito da sculture, è facile da percorrere e termina al cospetto delle strapiombanti pareti del Piccolo Nabois. 

«Si tratta di una risorsa per valorizzare queste vere e proprie opere d'arte che la natura ci ha regalato e favorire la crescita del territorio», ha sottolineato il vicepresidente della Regione FVG, Sergio Bolzonello.

Il sentiero si integra e completa con il festival Risonanze, appuntamento promosso dal Comune con il sostegno della Regione, quale occasione per ammirare la Picea excelsa fissilis, ovvero l'abete di risonanza che cresce, oltre che nel Tarvisiano, solo in Val Comelico e Val di Fiemme, e per ascoltare musica e racconti immersi nella natura, per vedere all'opera i maestri liutai che creano i loro strumenti sotto gli occhi attenti del pubblico.  «L'abete di risonanza della Foresta di Tarvisio – ha concluso Bolzonello – costituisce una straordinaria possibilità per incrementare il lavoro delle imprese boschive e, parallelamente, per essere, grazie a questo nuovo percorso, un'attrazione per i turisti che possono imparare a conoscere gli alberi che cantano».

L’inaugurazione del nuovo percorso ha rappresentato una festa per tutta la comunità locale, con l’esibizione del coro degli alunni della scuola primaria di Ugovizza.

Commenti (0)
Comment