Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Progetto "Equal"

Attualità
28 luglio 2016

Psichiatria, FVG e Balcani a confronto

a cura della redazione
I rappresentanti del settore psichiatrico di Serbia e del Montenegro e dei Dipartimenti di Salute Mentale di Trieste e Udine uniti nella cooperazione
CONDIVIDI
15216
Roberto Mezzina, direttore del Dipartimento di Salute Mentale di Trieste (ph. ASUITS)
Attualità
28 luglio 2016 della redazione

Si è svolto presso la Clinica Psichiatrica Universitaria del comprensorio di San Giovanni a Trieste  l'incontro tra i rappresentanti del settore psichiatrico di Serbia e del Montenegro e dei Dipartimenti di Salute Mentale di Trieste e Udine, previsto dal Progetto Equal realizzato dal Comune di Monfalcone e finanziato dalla Regione Friuli Venezia Giulia con la legge 19/2000 sulla Cooperazione allo Sviluppo.

Dopo un saluto del Direttore dell'ASUI TS Nicola Delli Quadri si sono svolti vari interventi che hanno visto protagonisti Roberto Mezzina e Renzo Bonn direttori dei Dipartimenti di Salute Mentale di Trieste e di Udine, la psichiatra triestina Stana Stanic e i responsabili e direttori dei servizi psichiatrici di Sombor, Kikinda, della Caritas di Sabac – in Serbia –  e del manicomio di Kotor in Montenegro, i quali hanno presentato le prime esperienze di trasformazione.

Si è fatto il punto sul piano di interventi per la coesione e l'inclusione sociale e il sostegno alla partecipazione delle comunità locali ai processi di riforme e sviluppo sociale nell'area dei Balcani.

Sono state esaminate le attività del progetto che riguardano la realizzazione di un modello organizzativo per i servizi di salute mentale e la deistituzionalizzazione dei pazienti degli ospedali psichiatrici di Sombor e di Kotor e la realizzazione di moduli di formazione degli operatori. È stata rilevata da parte degli ospiti balcanici l'esigenza di arrivare al più presto a una normativa che consenta anche in Serbia e Montenegro di realizzare l'esperienza maturata a Trieste e in Italia con la riforma psichiatrica e la legge 180 che hanno assicurato un'assistenza territoriale ai malati mentali ed una difesa della loro dignità umana.

Erano presenti all'incontro anche Michela Vogrig, presidente del COSM, che sta realizzando in Montenegro alcune Cooperative Sociali, Giancarlo Carena, presidente del CNA e della cooperativa agricola Monte San Pantaleone, John Jenkins dell'International Mental Health Collaborating Network  (IMHCN ), Violeta Andjelkovic per lo IAN .

Ai lavori ha assistito anche Elisabetta Pascolo direttrice della Clinica Psichiatrica Universitaria.

Commenti (0)
Comment