Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Ritorna "pordenonelegge il territorio"

Turismo
09 marzo 2016

Tre fiumi, tre tempi

a cura della redazione
Viaggio lungo il Noncello, il Meduna e il Livenza per disegnare la storia e le tradizioni di un territorio, tra passato e presente.
CONDIVIDI
13217
Il fiume Noncello (ph. Ufficio stampa Volpe Sain)
Turismo
09 marzo 2016 della redazione

Tre fiumi per disegnare la storia e le tradizioni di un territorio, per custodirne scenari naturali e armonie architettoniche, per schiuderne suggestioni e sapori: si inscrive lungo il corso del Noncello, del Meduna e del Livenza la seconda tappa 2016 di pordenonelegge il territorio, il format di turismo e cultura promosso dalla Fondazione Pordenonelegge.it per scoprire o ritrovare luoghi e percorsi legati agli autori.

Sabato 9 aprile appuntamento con “Tre fiumi, tre tempi”, l’itinerario che si snoderà alla scoperta della bassa pordenonese con la guida dello scrittore e poeta Gian Mario Villalta, direttore artistico di Pordenonelegge e cantore di questa “terra guardata”, fino a poter “raggiungerla dove l’erba falciata sbianca”.

«I fiumi sono il Noncello, il Meduna e il Livenza. E i tre tempi – spiega Villalta – sono il passato della dominazione veneziana, il passato prossimo della trasformazione agricolo-industriale del territorio e il presente dei centri commerciali e delle rotonde».

Originario di Visinale di Pasiano, insegnante, poeta, saggista e scrittore, Gian Mario Villalta – che i partecipanti incontreranno sotto la “grande quercia” di Ghirano – sarà guida della giornata per cogliere la profonda trasformazione nel tempo della “Bassa”, che ne ha modificato i paesaggi ma forse non l’anima più intima e segreta. Prima tappa a Villa Saccomani di Pasiano di Pordenone, in origine castello rudi­mentale: con il passare dei secoli si è trasformato in palazzo nobiliare e ha ospitato anche l’ancora giovanissimo Giacomo Casanova.

Nel pomeriggio sarà la splendida cornice di Villa Varda di Brugnera ad accogliere il gruppo. La residenza padronale del XV secolo deve i suoi natali alla nobile famiglia bergamasca dei Mazzoleni. La giornata si concluderà con la visita alla Cantina San Simone di Porcia, che lega il suo nome alla prima e storica sede a Prata, e che nel 2015 ha festeggiato i 100 anni di attività della famiglia Brisotto.

Sapori dei luoghi anche per la sosta ristoro a pranzo, nel segno dello “storione”. Come sempre la partenza è prevista alle 9 da Pordenone (via Montereale - parcheggio dell'ospedale). Info www.pordenonelegge.it

Commenti (0)
Comment