Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Presentata in Provincia di Gorizia

Turismo
11 febbraio 2016

Gli eventi delle Pro Loco isontine in una guida

di Stefano Caso
Al suo interno 150 manifestazioni in programma sul territorio, fino a Trieste e Muggia.
CONDIVIDI
12952
Da sinistra: Gon, Černic e Blasini (ph. Provincia di Gorizia)
Turismo
11 febbraio 2016 di Stefano Caso Image

150 manifestazioni sparse su tutto l’Isontino, ma anche a Trieste e Muggia. Con una media di un evento ogni tre giorni. Appuntamenti che coprono tutto l’anno e che da qualche giorno sono consultabili in un’unica e pratica guida.

Stiamo parlando della pubblicazione 2015-2016 del Consorzio Isontino Giuliano delle Pro Loco delle province di Gorizia e di Trieste, che stamattina è stata presentata a Mara Černic, vicepresidente e assessore al turismo della Provincia di Gorizia, da Gian Carlo Blasini e Flavio Gon, rispettivamente presidente e vicepresidente del Consorzio. La pubblicazione, infatti, ha avuto il contributo economico della Provincia di Gorizia, oltre a quello della Banca di Credito Cooperativo di Staranzano e Villesse e della Banca di Credito Cooperativo di Turriaco.

La guida riporta gli appuntamenti che vanno da dicembre 2015 a dicembre 2016 organizzati dalle 18 Pro Loco dell’Isontino e dalle 2 Pro Loco di Trieste e Muggia, ed è in distribuzione gratuita all’Info Point Carso 2014+  della Provincia di Gorizia (al Tiare Shopping di Villesse), in tutte le Pro Loco del territorio, in tutti gli uffici IAT e nei punti informativi di Turismo FVG.

«La pubblicazione – sottolinea Mara Černic – si rivolge a tutti coloro che sono alla ricerca di un fine settimana all’insegna della cultura, dell’arte e dell’enogastronomia, oltre ai turisti che in ogni periodo dell’anno arrivano numerosi per conoscere le nostre eccellenze. Ma stiamo anche parlando di appuntamenti organizzati dalla nostra gente che hanno il prezioso compito di tenere vivo e coeso il tessuto sociale e culturale del nostro territorio».

Commenti (0)
Comment