Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Documentario sulla città stellata

Turismo
17 luglio 2015

I misteri di Palmanova sulla tv giapponese

di Giada Marangone
Il canale nazionale nipponico NHK dedica alla realtà palmarina la prima puntata di una trasmissione sui luoghi misteriosi lungo l'Adriatico.
CONDIVIDI
10606
L'attore Suzuki Ryouhei durante le riprese a Palmanova (ph. Comune di Palmanova)
Turismo
17 luglio 2015 di Giada Marangone

Palmanova sbarca in Giappone. Il canale nazionale NHK manderà in onda la prima puntata di una trasmissione dedicata alle città misteriose lungo l’Adriatico, che  è in gran parte dedicata alla città stellata. Le riprese sono state girate tra aprile e maggio da una produzione di giovanissimi cineasti che hanno voluto raccontare Palmanova in ogni dettaglio, dalle origini, allo sviluppo militare, economico e  turistico, soffermandosi anche sulla vita quotidiana dei palmarini oggi. Protagonista e narratore di questa full immersion nella città stellata il giovane attore Suzuki Ryouhei, 32 anni, originario della città di Nishinomiya, ma da anni inserito nel jet set di Tokyo dove è noto come attore e come modello. Una vera star nel paese del Sol Levante, che farà da testimonial a Palmanova con uno spirito nipponico giovane, curioso, interessato.

«La città mi è piaciuta tantissimo per la sua strana storia, per la sua gente e per questo attaccamento alle tradizioni che la rende simile al Giappone», ha dichiarato Suzuki durante i suoi giorni di permanenza in città.

La trasmissione parte con il sorvolo in elicottero della città stellata e la decisione di Suzuki, colpito dalla perfezione della pianta rinascimentale, di scendere al centro della città. Con il  suo arrivo in piazza inizia la scoperta di Palmanova con una passeggiata tra i borghi e una sosta in alcuni locali, dove ha modo anche di assaggiare un vero “cappuccino” e una sconosciutissima “gubana”.

Accompagnato dallo storico Alberto Prelli, Suzuki racconta la fortezza, la cinta bastionata, i segreti delle milizie venete e delle conquiste napoleoniche. Incontra gli sbandieratori alle prese con le esibizioni in piazza Grande e i figuranti del Gruppo storico impegnati nella preparazione dei costumi per la Rievocazione. Moltissimi i dettagli girati nei musei, sia quello civico che militare, sui bastioni, incrociando le passeggiate dei militari a cavallo del Genova Cavalleria, e dentro le gallerie veneziane. C’è tempo anche per una cena in una casa tipica friulana e per conoscere la lavorazione dell’oca, così come è stata riscoperta e resa famosa in tutto il mondo dall’azienda palmarina Jolanda De Colò.

Per il sindaco Francesco Martines «è un’occasione straordinaria per far conoscere Palmanova nell’Estremo Oriente. Un’opportunità che si aggiunge a quella recente della produzione cinematografica cinese, ma che in questo caso ha il pregio di raccontare la città in maniera semplice e avvincente al pubblico della tv nazionale giapponese a poca distanza dalle riprese, quindi in una sorta di presa diretta che potrà dare immediato conto di come la città si stia evolvendo e stia diventando sempre più una meta turistica. Mi auguro che i giapponesi colgano la bellezza di Palmanova e vengano da turisti».

Dopo Palmanova, la troupe giapponese ha proseguito il proprio viaggio verso Bled e Postumia, spingendosi poi fino alle isole greche di Zacinto e Cefalonia.

Commenti (0)
Comment