Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Sostenute dalla Provincia di Gorizia

Attualità
13 febbraio 2015

Feste ecologiche in tutto l'Isontino

 di Stefano Caso
Partono da Savogna d'Isonzo le quindici manifestazioni che utilizzeranno materiali compostabili.
CONDIVIDI
Esempi di posate compostabili
Attualità
13 febbraio 2015 di 
Stefano Caso

Sono quindici le sagre e le feste paesane del territorio isontino all’insegna della sostenibilità ambientale. Sono le “Ecofeste” che riceveranno dalla Provincia di Gorizia un finanziamento, poiché, oltre a fare una raccolta differenziata di plastica, lattine in alluminio e acciaio, vetro e carta, faranno uso di posate e bicchieri compostabili, fatti cioè con materiali innovativi che, conferiti col rifiuto umido, si trasformano in compost, in terriccio non inquinante, al contrario dei tradizionali piatti e bicchieri usa e getta in plastica.

Associazioni e Comuni hanno partecipato al bando pubblicato lo scorso agosto dalla Provincia e che ora riceveranno un finanziamento fino a un massimo di 500 euro, con un ulteriore incentivo fino a 150 euro per le iniziative non obbligatorie finalizzate all’incremento della sostenibilità ambientale della festa o della sagra.

Realizzato nell'ambito della campagna per la riduzione dei rifiuti e la promozione della raccolta differenziata, il finanziamento della Provincia è partito dal presupposto che le sagre e le feste paesane, ampiamente diffuse sul territorio provinciale, sono spesso caratterizzate dal massiccio utilizzo di vettovaglie “usa e getta” in plastica, nonché dall’uso massiccio di bibite in bottiglie di plastica e in lattine di alluminio, materiale che non sempre viene conferito in maniera differenziata, creando così un pesante onere ambientale ed economico.

La prima “Ecofesta si terrà a Savogna d'Isonzo proprio questo fine settimana, fino a domenica 15 febbraio.

Sono quindici le sagre e le feste paesane del territorio isontino all’insegna della sostenibilità ambientale. Sono le “Ecofeste” che riceveranno dalla Provincia di Gorizia un finanziamento, poiché, oltre a fare una raccolta differenziata di plastica, lattine in alluminio e acciaio, vetro e carta, faranno uso di posate e bicchieri compostabili, fatti cioè con materiali innovativi che, conferiti col rifiuto umido, si trasformano in compost, in terriccio non inquinante, al contrario dei tradizionali piatti e bicchieri usa e getta in plastica.

Associazioni e Comuni hanno partecipato al bando pubblicato lo scorso agosto dalla Provincia e che ora riceveranno un finanziamento fino a un massimo di 500 euro, con un ulteriore incentivo fino a 150 euro per le iniziative non obbligatorie finalizzate all’incremento della sostenibilità ambientale della festa o della sagra.

Realizzato nell'ambito della campagna per la riduzione dei rifiuti e la promozione della raccolta differenziata, il finanziamento della Provincia è partito dal presupposto che le sagre e le feste paesane, ampiamente diffuse sul territorio provinciale, sono spesso caratterizzate dal massiccio utilizzo di vettovaglie “usa e getta” in plastica, nonché dall’uso massiccio di bibite in bottiglie di plastica e in lattine di alluminio, materiale che non sempre viene conferito in maniera differenziata, creando così un pesante onere ambientale ed economico.

La prima “Ecofesta si terrà a Savogna d'Isonzo proprio questo fine settimana, fino a domenica 15 febbraio.

Commenti (0)