Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Dibattito al Future Forum

Società
29 ottobre 2014

Il futuro dell'immigrazione tra economia e ideologia

a cura della redazione
Crescono in regione le imprese con titolari stranieri. Jay Mitra: "Valorizzare queste persone affinché portino valore aggiunto alla società locale".
CONDIVIDI
7533
L'intervento di Jay Mitra al "Future Forum"
Società
29 ottobre 2014 della redazione

Tra il 30 settembre 2013 e il 30 settembre 2014 le imprese attive in Fvg sono diminuite del 2%; di converso quelle con titolare straniero sono cresciute, nello stesso periodo, dell'1,66%, rappresentando il 10,8% di tutte le imprese. Maggiore è stata l’incidenza rilevata tra quelle condotte da imprenditori di nazionalità serba e montenegrina (il 10% di tutte le straniere), svizzera (anche se in questo caso si deve parlare di cosiddetta immigrazione di ritorno), albanese (8,82%) e rumena (7,10%).

L'intervento di Jay Mitra al "Future Forum"

«L'esperienza europea non è omogenea in fatto di immigrazione – sottolinea Jay Mitra, direttore dell’International Centre for entrepreneurship research dell’Essex Business School – e i politici hanno giocato con questa parola, tra controllo e integrazione, ma troppo in senso ideologico. Udine può essere esempio, dai dati presentati, che è possibile creare una sotto-comunità di imprenditori immigrati, che possono cominciare a diventare ambasciatori dei loro Paesi di provenienza, essendo in grado di portar valore economico alla società». Nei Paesi Ocse (Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico) – fa notare lo stesso Mitra – la percentuale di imprenditori “migranti” è del 12,8%, superiore a quella degli imprenditori “nativi” che è del 12,1%. Negli Stati Uniti le imprese costituite da migranti sono peraltro quelle con più elevata capacità innovativa. 

«La grande sfida oggi – precisa Sergio Arzeni,  direttore del dipartimento per l'imprenditorialità e delle Piccole Medie Imprese dell'Ocse – è attirare talenti. L'Italia non è competitiva nel mondo della conoscenza e dovrebbe attirare più imprenditori che creino imprese e investano qui e nel loro Paese, come tanti friulani hanno fatto nel mondo in passato».

Commenti (0)
Comment