Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni
Classic art

Paolo Hendel

Esilarante e autoironica confessione sugli anni che passano
34679
(© Fabrizio Fenucci)
02/07/20
21
3
Udine
via Trento 4
Udine

È ai blocchi di partenza Teatro Estate 2020, la prima rassegna di spettacoli en plein air del Teatro Nuovo Giovanni da Udine. Ad accogliere nuovamente il pubblico giovedì 2 luglio, dopo quasi quattro mesi di arresto forzato a causa dell’emergenza sanitaria, sarà Paolo Hendel, protagonista di un irresistibile e autoironica confessione sugli anni che passano, La giovinezza è sopravvalutata.

Avvalendosi della preziosa complicità del regista Gioele Dix e del coautore Marco Vicari, il simpaticissimo comico toscano racconterà con una sincerità disarmante, accompagnato dalle musiche di Savino Cesario, sé stesso e un Paese, l’Italia, che sta inesorabilmente invecchiando, strappando al pubblico irresistibili risate.

“Divertirsi a teatro è cambiare punto di vista – spiega Giuseppe Bevilacqua, direttore artistico prosa del Giovanni da Udine -. I grandi temi della rassegna Teatro Estate sono gli antichi, stantii pregiudizi sulla vecchiaia, la donna, la guerra, l’emigrazione: poli di pregiudizi che sarebbe tempo di cambiare Mai come ora, il teatro offre il cambiamento necessario come sua ragione d’essere”.

E di vecchiaia e gioventù ci parla Paolo Hendel con l’ironia e lo stile che lo contraddistinguono. L’artista racconta com’è nata l’idea dello spettacolo: nello studio di un geriatra per accompagnare la madre novantenne, viene scambiato dal medico per un paziente… grazie a quell’incontro, Hendel si rende conto che si sta “pericolosamente” avvicinando alla stagione della terza età e che è venuto il momento di fare i conti con quella che Giacomo Leopardi definisce “la detestata soglia di vecchiezza”. E lo fa a modo suo: le paure, le debolezze, gli errori di gioventù sommati agli “errori di maturità” diventano così una continua occasione di gioco nel quale è impossibile non rispecchiarsi, ciascuno con la propria vita, la propria esperienza e la propria sensibilità.

Se è vero che la giovinezza è sopravvalutata, Hendel non vuole essere frainteso e precisa: “Sono comunque contento di essere stato giovane, mi sono trovato bene e se mi dovesse ricapitare lo rifarei anche volentieri...” E alla “detestata soglia” tanto temuta da Leopardi risponde con “la vita è adesso” del nostro poeta contemporaneo Claudio Baglioni: quello che conta è mantenere viva, a qualsiasi età, la curiosità, l’interesse e la passione, come dimostra lo stesso artista che sfida gli acciacchi degli anni calcando con fanciullesco entusiasmo e rinnovata energia il palcoscenico, sua seconda casa da ormai oltre trent’anni.

Come tutti gli appuntamenti in programma per Teatro Estate 2020, La giovinezza è sopravvalutata inizierà alle ore 21.00 e si svolgerà all’aperto sul palcoscenico montato negli spazi antistanti il Teatro.