Il benessere del bambino nella scuola dell’infanzia

imagazine livio nonis

Livio Nonis

17 Dicembre 2014
Reading Time: 2 minutes

La proposta della “Bonaldo Stringher” di Aiello

Condividi

Nella scuola dell’infanzia “Bonaldo Stringher” di Aiello del Friuli sono attivi tre percorsi per la ricerca del benessere dei piccoli alunni. Il primo riguarda l’“acquaticità”: i pediatri consigliano di far imparare a nuotare i bambini già in età prescolare, ritenendo il nuoto uno sport completo. Il corso in questi mesi ha aiutato i bambini a vincere le proprie paure e a sperimentare, attraverso il gioco, nuove forme di movimento e di fiducia. L’obiettivo primario per i bambini, suddivisi in piccoli gruppi con istruttori qualificati, non è quello di imparare a nuotare, ma quello di avvicinarsi all’acqua con consapevolezza, autocontrollo, piacere e divertimento.

Il secondo percorso propone una vera e propria educazione motoria globale, attraverso il progetto di educazione percettivo-motoria inteso come strumento per stimolare la personalità del bambino, con ricadute positive sull’area affettiva, cognitiva e relazionale, oltre a quelle specifiche sull’area motoria. Il progetto non deve essere inteso come “avviamento allo sport”, ma come attività educativa che, oltre a favorire l’evoluzione di abilità motorie (in modo particolare il correre, il saltare e il lanciare), porta al superamento di paure che i bambini manifestano nell’affrontare determinate esperienze motorie nuove.

Il terzo percorso, infine, riguarda l’educazione alimentare. Le abitudini alimentari e di attività fisica assunte durante l’infanzia e l’adolescenza hanno un impatto sulla salute del futuro adulto sia in modo diretto (costruzione della massa ossea, crescita e sviluppo adeguati, sviluppo di patologie metaboliche), sia in modo indiretto (costruzione e consolidamento di abitudini alimentari e di attività motoria più o meno salutari). Le principali abitudini alimentari introdotte con il supporto della ASS5 nella scuola dell’infanzia di Aiello riguardano il consumo di frutta e verdura, anche sotto forma di proteine vegetali, a discapito del consumo di dolci e bibite zuccherate. Gli alimenti freschi seguono la filiera corta (sul territorio) e sono cucinati nella cucina della scuola, giornalmente.

Condividi