Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni
Meeting

Marina Qualizza

Nell'ambito di “L’arte in…carrozza”
Canne al vento, Marina Qualizza
Codroipo
San Martino
Museo civico delle carrozze d’epoca
27/05/17
mercoledi, giovedì e venerdì 9.30-12.30/15.30-18.30; sabato 15.30-18.30; domenica 10.30-12.30/14.30-18.30
0432 912493

Sabato 27 maggio alle ore 18 presso la sede del Museo civico delle carrozze d’epoca a San Martino di Codroipo, si aprirà una lunga stagione espositiva per un progetto dal titolo “L’arte in…carrozza”, nato dalla collaborazione tra il Comune di Codroipo, l’Unione pittori e artisti friulani e la Gea, Protezione Civile Salvaguardia Ambientale.

Ad aprire la rassegna, per appuntamenti a ingresso gratuito, sarà la pittrice friulana Marina Qualizza, con una sua ampia collezione che sarà presentata da Giusy Zagari.

Un vernissage che mette insieme in un percorso di differenti stili e correnti, tele degli anni ’80 e ’90, mirate all’impressionismo, e ultime opere caratterizzate dalla ricerca della luce e dall’astrattismo. L’esposizione si offre al visitatore come un percorso di ricerca interiore che si rende manifesto attraverso la sintesi e l’evanescenza, come dimostrano le spatolate decise e le sottrazioni di materia propri di Qualizza, per intensi e spettacolari paesaggi informali. Dopo le personali di Villa Nachini Cabassi a Corno di Rosazzo, a Udine presso la “Galleria degli Artisti”, la collettiva a Terazza Mare a Lignano e la personale al Museo Carnico di Tolmezzo, oltre ai riconoscimenti ricevuti al Concorso Nazionale di Cesena e di Trivero, questa mostra di Marina Qualizza si offre come una ideale ouverture di un rinato Museo delle carrozze.

La mostra resterà aperta fino al 30 giugno e a seguire ci saranno altre esposizioni, una ogni mese, con ospiti artisti del Friuli Venezia Giulia, come Lunazzi, Cargnelutti, Dussi, Zamparo, Burelli, De Piante, e di altre città italiane, come Febbo di Palermo, Bonazza di Bologna, Botti di Cesena, Bertoldi di Treviso, persino dall’Armenia con il pittore Temsarian.