Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni
Classic art

Cervignano rivive le arti di Pasolini

Dallo spettacolo "Pasolini on the road" a quattro film che hanno fatto storia
Cervignano del Friuli

08/12/22
Cervignano del Friuli
piazza Indipendenza 34
Cervignano del Friuli

Prosegue al Teatro Pier Paolo Pasolini di Cervignano del Friuli la rassegna 100x100 Pasolini, un progetto-tributo all’intellettuale friulano, curato dall’Associazione Culturale Pasolini, dove confluiscono CSS Teatro Stabile di Innovazione, Euritmica e Bonawentura di Trieste.

Dopo l’inaugurazione in musica, la rassegna prosegue con una serie di appuntamenti targati Bonawentura a partire, giovedì 8 dicembre alle 20.30, dallo spettacolo “Pasolini on the road” - tratto da “La lunga strada di sabbia” di Pasolini - scritto e diretto dal regista Massimo Navone. In scena gli attori Marco Puntin e Alessandro Mizzi sulle musiche dal vivo di Stefano Bembi alla fisarmonica e la voce di Eva Pascal.

È un diario di viaggio di un Pasolini che si abbandona a momenti di vera e propria gioia quello che tra il giugno e l’agosto del 1959, al volante di una Fiat 1100, percorre la «lunga strada di sabbia», il periplo completo della nostra penisola. Un viaggio che parte da Ventimiglia e lo porta fino al comune siciliano più meridionale, per risalire infine la costa orientale, arrivare a Trieste e concludere la sua avventura a Muggia affacciandosi sul confine. La scenografia raffigura il muso di una Fiat 1100 d’epoca intorno alla quale gli attori e i musicisti agiscono evocando le atmosfere delle tappe del viaggio attraverso i passaggi più suggestivi dei suoi appunti. La colonna sonora fa riferimento al repertorio musicale degli anni ‘50/’60, in particolare ad alcune canzoni del cuore di Pasolini e ai brani di cui il poeta è autore dei testi.

La rassegna darà, poi, spazio ad una serie di appuntamenti cinematografici a partire, sabato 10 dicembre alle 20.30, dalla proiezione del celebre reportage Comizi d’amore. Momento clou domenica 11 dicembre con un doppio appuntamento nel segno di Medea. Atteso, in particolare, alle 18.00 il documentario L’Isola di Medea scritto e diretto dal regista Sergio Naitza che sarà presente in sala. Il film è una produzione Karel/Lagunamovies Festival realizzata con Erich Jost Productions e FVG Film Commission, proposta a chiusura dell’anno che celebra il centenario pasoliniano e alle soglie del 2023, che festeggerà i 100 anni dalla nascita di Maria Callas. Nel documentario viene ripercorso l'incontro speciale fra Pier Paolo Pasolini e Maria Callas sul set di “Medea”, nell’estate del 1967 fra Grado e la Cappadocia: una tenera amicizia sbocciata fra i due grandi artisti, rievocata attraverso alcune delle voci più note impegnate su quel set, e nella vita privata di Pasolini e Callas. Quella di Ninetto Davoli, innanzitutto, quelle di Nadia Stancioff, assistente personale della Callas, del Premio Oscar Dante Ferretti, dei costumisti Piero Tosi e Gabriella Pescucci, dell’atleta Giuseppe Gentile, dell’attrice Piera Degli Esposti, della scrittrice Dacia Maraini - che insieme a Pasolini, Moravia e Callas intraprese due lunghi viaggi in Africa – e molti altri. E quella della giornalista Alessandra Zigaina, che proprio nel giardino della casa di famiglia a Cervignano ricorda la festa organizzata dal padre - il celebre pittore Giuseppe Zigaina, amico fraterno di Pasolini - a conclusione delle riprese di "Medea". I frammenti delle lettere e poesie che il regista e la cantante si scambiarono sono letti da voci off, gli attori Daniele Fior e Sara Alzetta, mentre scorrono i disegni del cartoonist Davide Toffolo, che firma anche l'immagine del film. La serata si concluderà alle 20.30 proprio con la proiezione del film "Medea", di Pier Paolo Pasolini.