Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni
Classic art

Tulsa Ballet

Direzione artistica di Marcello Angelini
(ph. Ricardo Karina - tulsaballet.org)
Trieste
Politeama Rossetti, Largo Gaber
30/03/16
20.30

Ha alle proprie spalle sessant’anni di storia e di attività d’altissimo livello, la compagnia Tulsa Ballet, uno dei più attesi e prestigiosi nomi ospiti del cartellone Danza: anni dedicati alla formazione di una compagnia eccellente, all’arricchimento del panorama culturale dell’Oklahoma, dove la compagnia opera e ha sede, ma anche alla creazione di una fama internazionale, che si è imposta in particolare negli ultimi 20 anni, sotto la guida dell’italiano Marcello Angelini. Grandissima preparazione e tecnica, e pregevole repertorio che va dai grandi classici del XIX secolo ai lavori più innovativi della danza contemporanea, il Tulsa Ballet è acclamato in tutto il mondo, ospite di prestigiose rassegne e cartelloni. A Trieste, dove arriva per la prima volta, la compagnia propone un programma che esprime appieno questa sua anima. Tre le coreografie selezionate: Rooster di Christopher Bruce, Petit Mort di Jiri Kilyan e Classical Symphony di Yuri Possokhov, tutti artisti contemporanei e dal linguaggio molto affascinante.
Christopher Bruce ha speso la vita per la danza ed è uno dei coreografi più importanti in Gran Bretagna: versatile e vitale ha creato per grandi assieme, per il Rambert e per il Nederlands Dans Theater, per lo Houston e il Culberg Ballet ma anche per il mondo del musical (sue le coreografie di Jeeves di Andrew Lloyd Webber e Alan Ayckbourn). Il suo Rooster è colorato, ironico e rock, vi evoca i Rolling Stones e celebra gli anni Sessanta e la sua giovinezza. Jiri Kilyan, praghese, coreografo dal 1970, è fra i più prolifici e inventivi creatori del dopoguerra, molto amato e pluripremiato in tutto il mondo. Ha operato a lungo come direttore – e prosegue come coreografo residente e consigliere artistico – con il Nederlands Dans Theater, ma sono moltissimi i suoi balletti importanti, creati anche per altre formazioni e occasioni.Come Petit Mort che ammireremo sul palcoscenico del Politeama e che è stato creato nel 1991 per il Salzburger Festspiele, per fare omaggio ai 200 anni dalla morte di Mozart. È infatti interamente mozartiana la bellissima musica di questa coreografia (due concerti per piano) con cui i movimenti creati dal coreografo sono meravigliosamente in armonia. Al debutto a Salisburgo i critici hanno sottolineato come incredibilmente, attraverso il linguaggio coreografico di Kilyan, il suolo sembra prendere corpo e sostanza, attraverso forme di grande raffinatezza. Creata per sei coppie di danzatori, Petit Mort è una creazione suggestiva e molto sensuale, che permetterà ai danzatori del Tulsa Ballet di mettere in luce tutta la loro intensità e preparazione. Infine i ballerini si impegneranno in Classical Symphony, lavoro affasicnante di Yuri Possokhov. Ucraino di nascita, a lungo danzatore del Bolshoi prima di spostarsi definitivamente negli Stati Uniti, dove ora è coreografo residente del San Francisco Ballet, Possokhov è famoso per le sue coreografie molto drammatiche, di respiro classico nonché emozionanti e connotate da una tecnica limpida e acutissima, che mette a dura prova le capacità degli interpreti.

IL PROGRAMMA

CLASSICAL SYMPHONY
Coreografia di  Yuri Possokhov
Musiche di  Sergei Prokofiev
Symphony No.1 in D major, Opus 25 “Classical”
Danzano: Youhee Son, Hyonjun Rhee, Maine Kawashima, Arman Zazyan, Diana Gomez, Rodrigo Hermesmeyer, Jaimi Cullen, Carla Lopez, Regina Montgomery, Beatrice Sebelin, Andres Figueroa, Matteo Manzoni, DaeHan Na, Chong Sun
Disegno luci originale di Michael Mazzola
Costumi di Sandra Woodall

PETITE MORT
Produzione/coereografia di Jiří Kylián
Assistente alla coreografia: Cora Bos Kroese
Musiche di W.A. Mozart
I Piano Concerto A major KV 488, Adagio
II Piano Concerto C major KV 467, Andante
Danzano: Julie Marquet, Daniel van de Laar, Beatrice Sebelin, Rodrigo Hermesmeyer, Gabriela Gonzalez, Joao Sampaio, Jaimi Cullen, Jonnathan Ramirez, Jennifer Grace, Arman Zazyan, MadalinaStoica, Cavan Conley
Set Design di Jiří Kylián
Costumi di Joke Visser
Disegno luci originale di Jiří Kylián (concept),  Joop Caboort (realizazzione)
Disegno luci ricreato da Michael Mazzola
Supervisione Tecnica luci/set: Kees Tjebbes
Prima mondiale: 23 Agosto 1991, Kleines Festspielhaus, Salzburg-Austria, 
Nederlands Dans Theater

ROOSTER
Coreografia di Christopher Bruce
Danzano: Hyonjun Rhee, Jonnathan Ramirez, Chong Sun, Cavan Conley, Andrew Silks, Jennifer Grace, GabrielaGonzalez, Erin Pritchard, YouheeSon, Madalina Stoica
Costumi di Marian Bruce
Disegno luci originale di Tina MacHugh
Messa in scena di Steven Brett
Disegno luci ricreato da Michael Mazzola

Musiche:
“Paint it Black”, “Ruby Tuesday”, “Sympathy for the Devil”, “Lady Jane”
Eseguite da The Rolling Stones
Scritte da Mick Jagger e Keith Richards
Edito da ABKCO Music, Inc.
“Play With Fire”
Eseguito da The Rolling Stones
Scritto da Nanker Phelge
Edito da ABKCO Music, Inc.
“As Tears Go By”
Eseguito da The Rolling Stones
Scritto da Mick Jagger, Keith Richards e Andrew Loog Oldham
c1964 (Renewed) Forward Music Ltd., London, England
Edito da ABKCO Music, Inc. and Essex Music, Inc.
Essex Music, Inc., New York, New York and ABKCO Music, Inc., New York, New York control all publication rights for the U.S.A. and Canada
International Copyright Secured. Made in U.S.A.
All Rights Reserved Including Public Performance for Profit. Used by Permission.
“Not Fade Away”
Eseguito da The Rolling Stones
Scritto da Norman Petty e Charles Hardin
Courtesy of MPL Music Publishing, Inc. (ASCAP) & Wren Music Co. (BMI)
“Little Red Rooster”
Eseguito da  The Rolling Stones
Scritto da Willie Dixon
All Songs Courtesy of ABKCO Music & Records, Inc.; www.abkco.com