Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni
Meeting

Oltre lo specchio

Esposte a Trieste le opere delle pittrici Michela Grassi e Patrizia Mikol

via Limitanea 7
Spazio Hermetika Trieste
27/09/22
17-19.30

Venerdì 16 settembre 2022 con inizio alle ore 17, apre i battenti, nello Spazio espositivo dell’Associazione culturale Hermetika di Trieste (Via Limitanea 7), la mostra “Oltre lo specchio” delle pittrici Michela Grassi e Patrizia Mikol.

 

“Pensa a come sarebbe bello se potessimo passare attraverso lo specchio! Sono sicura che ci sono delle cose bellissime là dentro! Facciamo che ci sia un modo per passarci attraverso, facciamo che sia diventato tutto come un leggero velo di nebbia…”. E così Alice passa. Passa dal visibile alla rivelazione, attraverso una porta fantastica che le permette di transitare in un altro mondo: nell’Altrove.

Anche se diverse sono le ricerche artistiche di queste due pittrici triestine, Michela Grassi e Patrizia Mikol, rappresentano entrambe un riflesso del loro mondo interiore, del loro Altrove, per lasciarsi andare in una dimensione dove la suggestione prende il posto di uno sfuggente figurativismo.

Michela Grassi, artista piena di passione, riporta sulla tela delle rappresentazioni floreali sviluppate con molteplici sfumature, intercalate da inaspettate matericità. Sono opere depurate dal superfluo, avvolte da un alone di mistero ricco di effetti cangianti e di ricordi, dove il segno pittorico si distingue per essere ricco di vibrazioni. Non solo fiori, ma anche figure, immagini evanescenti al di fuori del tempo e dello spazio, quasi reliquie antiche, personaggi avvolti dalla solitudine, privi di volto, immersi in una atmosfera compresa di memorie e sensazioni prive di certezze palpabili.

L’intera opera della pittrice Patrizia Mikol induce alla meditazione, ad un raccoglimento silenzioso. Immagini rarefatte che si caratterizzano da tinte armonicamente accostate. Mikol, non esterna solo quello che vede, ma anche le sensazioni e le emozioni che porta dentro, facendo uso di colori a volte caldi e passionali, a volte, freddi e attraenti; dipingendo con trasporto cieli blu, che vanno dal violaceo all’indaco, e prati dalle tonalità mutevoli che sembrano muoversi sotto il magico tocco di un eterno umido vento, che rende l’atmosfera soffusa e sommessa.

Ma torniamo allo specchio, piccolo o tondo, grande e convesso che sia, è capace di creare una realtà parallela, uno spazio illusorio dove tutto può accadere. Come nell’arte.