Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni
Meeting

Il segno Modiano

150 anni di arte e impresa in mostra all'IRCI
Trieste
via Torino 8
Museo Istriano
19/05/21
10.30-12.30/16.30-18.30
040 639188

Altre date

17/06/21 - Trieste
18/06/21 - Trieste
21/06/21 - Trieste
22/06/21 - Trieste
23/06/21 - Trieste
24/06/21 - Trieste
25/06/21 - Trieste
28/06/21 - Trieste
29/06/21 - Trieste
30/06/21 - Trieste

La partita non è ancora chiusa. Le carte sono state messe in tavola ancora una volta e il gioco può ricominciare. È un gioco fatto di colori, di linee, di figure e di immagini che si intrecciano in un segno grafico ancora oggi indissolubile ed inconfondibile, il segno MODIANO.  

A 150 anni dalla sua fondazione, il marchio più noto dell’imprenditoria d’area veneto-giuliana viene celebrato nella mostra “IL SEGNO MODIANO. 150 anni di arte e impresa”, curata da Piero Delbello per l’Istituto Regionale per la Cultura Istriano-fiumano-dalmata ed allestita al piano terra del Museo Istriano, in via Torino 8.

L’esposizione, da oggi riaperta al pubblico, è stata ancora una volta prorogata per il successo ottenuto.

Manifesti di grandi artisti giuliani e mitteleuropei, quali Orell, Sigon, Cambon, Lenhart, Berény, si alternano alle intramontabili carte da gioco e alle numerose cartoline d’epoca, tutti contraddistinti dal logo SDM.  

Ma la mostra ha ancora un asso nella manica: “Gli infelici” di Vito Timmel, un quadro da molti considerato come il capolavoro dell’artista, che solo di recente è entrato a far parte dell’archivio storico dell’azienda Modiano.

Ammirato da pochi prima della chiusura, dovuta all’emergenza sanitaria in corso, è stato recentemente oggetto di studio nel volume “Timmel. La magnifica inquietudine”, curato sempre da Delbello per l’I.R.C.I.

Ora le porte dell’Istituto sono state finalmente riaperte e la mostra è nuovamente visitabile dal lunedì al venerdì con il seguente orario: 10.30-12.30 e 16.30-18.30.

Claudio Pizzin