Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni
Meeting

Geografie sommerse

Esposti a Trieste gli scatti di Monika Bulaj
Il canto potente delle donne pugliesi per la madre di Dio che perse il figlio. Il lamento di Demetra, Stabat Mater, Canosa, Italia 2015 (© Monika Bulaj)
Trieste

Magazzino delle Idee
05/10/23
10-19

Altre date

01/10/23 - Trieste
03/10/23 - Trieste
04/10/23 - Trieste
06/10/23 - Trieste
07/10/23 - Trieste
08/10/23 - Trieste

Il Magazzino delle idee di Trieste ospita fino a domenica 8 ottobre 2023 la mostra fotografica Geografie sommerse, della fotografa, reporter e documentarista Monika Bulaj.

L’esposizione, a cura della stessa fotografa e organizzata da ERPAC, Ente Regionale per il Patrimonio Culturale del Friuli Venezia Giulia, ripercorre attraverso più di cento immagini, a colori e in bianco e nero, il lungo viaggio dell’artista fra minoranze e popoli nomadi, fra fedi e religioni, un percorso che l’ha condotta lungo confini, in luoghi sacri e condivisi documentando le condizioni sociali degli strati più deboli dei Paesi da lei attraversati: Europa orientale, Caucaso, Medio Oriente, Africa, altipiano iranico, Asia centrale, Russia, Afghanistan, Haiti e Cuba.

Le fotografie di Monika Bulaj mettono in luce l’invisibile, quella ricchezza che sotto gli occhi di tutti sta scomparendo, in quelle terre dove per millenni le genti hanno condiviso i santi, i gesti, i miti, i canti, le danze, gli dei. Le minoranze perseguitate in Afghanistan e Pakistan, i cristiani d’Oriente, i maestri sufi dal Maghreb alle Indie, gli sciamani dell’antica Battria, gli ultimi pagani del Hindu Kush, i nomadi tibetani, le sette gnostiche dei monti Zagros. Abitanti delle ultime oasi d’incontro, zone franche assediate da fanatismi armati, patrie perdute dei fuggiaschi d’oggi. Luoghi dove gli dei parlano spesso la stessa lingua franca e dove, dietro ai monoteismi, appaiono segni, presenze, gesti, danze, sguardi condivisi.

La ricerca di Monika Bulaj inizia nel 1985. Dal 2001 ha trovato espressione in numerose esposizioni.  I suoi scatti e reportage in costante cammino “con persone in fuga dalla follia dell’uomo”, per citare l’autrice, sono stati pubblicati in diversi quotidiani e magazine italiani e internazionali, tra i quali Courrier International, Gazeta Wyborcza, Geo, Corriere della Sera, Internazionale, National Geographic, The New York Times, Time, La Repubblica, RevueXXI, Al Jazeera, Granta Magazine, Virginia Quarterly Review.

Il suo reportage Haiti degli spiriti, inoltre, ha rappresentato la testata “La Repubblica” nella sezione Daily Press per il Visa d’Or a Perpignan nel 2015 e le sue opere sono state acquistate da Leica Collections.

“La fotografia è specchio e relazione – afferma la fotografa nell’introduzione nel volume fresco di stampa – vetro da cui traspare qualcosa. Tutto accade nella grazia d’un incontro. Non nelle domande che contengono già le risposte, ma nell’ascolto, che rende il racconto indispensabile”.