Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni
Classic art

Terminal

Torna il contenitore delle più diverse forme d’espressione
(© Bartolomeo Rossi)
Udine
piazza Venerio
24/06 e fino al 27/06

Piazza Venerio a Udine, dal 25 al 27 giugno, si trasformerà nuovamente nello scalo aeroportuale di "Terminal - Festival dell'arte in strada", organizzato da Circo all’inCirca e dalla cooperativa Puntozero, e parte della rete culturale "Intersezioni".

Anche quest’anno tutti gli eventi saranno a ingresso gratuito, ma in linea con la normativa, con prenotazione obbligatoria su www.terminal-festival.com.

Evento dalle molte anime, Terminal ha fatto della multidisciplinarità il suo punto di forza. A raccontare tutto questo, nel 2021, ci ha pensato Fabio Rodaro, autore delle grafiche ufficiali del Festival.

Quest’anno fa parte di quest'intreccio anche la nuova collaborazione con il Far East Film Festival, costretto dalla pandemia a scegliere i mesi più caldi per la nuova edizione. È proprio nell’ambito di Feff23 che Terminal proporrà la sua anteprima. Giovedì 24 giugno alle 19.30, al Visionario, andrà in scena "Boite a Musique", una performance ideata per l'occasione che porterà gli spettatori alla scoperta di questa disciplina. L’acrobata (Silvia di Landro) instaurerà un dialogo tra i suoi movimenti e una pertica di 5 metri. A seguire, Davide Visintini e Giulia Racca, anche loro di Circo all'inCirca, si esibiranno in “Va pian e fa presto”, uno spettacolo di acrobatica mano-a-mano.

L'inaugurazione ufficiale del Festival è invece in programma il 25 giugno, alle 19. In piazza Venerio sarà presentato “Oltrepassare”, della compagnia “Azioni Fuori Posto”: una performance urbana itinerante che unisce movimento, scultura e suono, e vincitrice della prima call condivisa, dalla rete Intersezioni, in tutto il territorio nazionale.

Sarà solo l’inizio di tre giorni ricchi di appuntamenti per tutti, con un’attenzione particolare alle famiglie, alle quali saranno proposte, nelle giornate di sabato e domenica, sia al mattino che nel pomeriggio, tre esplorazioni creative della città. Delle vere e proprie esperienze guidate dagli insegnanti della scuola del Circo all’inCirca in cui i bambini, con i propri genitori, saranno invitati a scoprire la città e, contemporaneamente, a viverla attraverso esercizi e prove a carattere circense. Sempre pensato per le famiglie sarà anche lo spettacolo “A riveder le stelle” (sabato alle 11 e domenica alle 21). Un appuntamento di cabaret realizzato dagli artisti e dai collaboratori del Circo all’inCirca e dedicato a Dante.

Non mancherà poi il tradizionale appuntamento con il viaggio onirico sui bus della linea urbana proposti da Audiobus (il 26 e il 27 alle 17 e alle 18 con partenza da piazza Venerio). Alle 19 di sabato torneranno anche gli architetti dell’Associazione Udinese “A+AUD” con “Artinerario Urbano - Una Transumanza Artistica”, una passeggiata interattiva in luoghi e spazi insoliti della città. In quanto alle performance inedite, quest’anno il cartellone del Festival dell’arte in strada, venerdì 25, dopo Oltrepassare, proseguirà alle 21 (in replica alle 11 di domenica), sul palcoscenico di piazza Venerio, con la compagnia Zirkus Morsa e “La fin demain”, uno spettacolo di danza, acrobatica-mano-a-mano ed equilibrismo. Sabato 26, dalle 18, dopo un anno di stop causa pandemia, torneranno a esibirsi gli studenti diplomandi delle scuole di circo europee. Quest’anno sarà il turno di Lido, con sede a Tolosa in Francia, che a Udine porteranno “No One’s Land”, uno spettacolo che promette di essere fuori dagli schemi, irriverente e fresco. Alle 21 (in replica domenica alle 18) andranno in scena i 15feet16 con lo spettacolo “League and Legend”, un mix di acrobazie, dinamite e poesia. Loro porteranno sul palco una disciplina mai vista a Udine: la “barra russa”! Per l’occasione in piazza sarà allestito un bar gestito da Cas’Aupa.